IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fase 4, Cairo di nuovo senza il Ppi: “Non si può avere un ospedale a singhiozzo”

Timori per la scelta che penalizza ancora una volta gli stessi cittadini

Cairo Montenotte. Ultimo giorno di attività del Punto di Primo intervento di Cairo, che, da stasera, come annunciato dall’Asl 2 Savonese, chiuderà fino a data da destinarsi. Entra infatti nel vivo la Fase quattro dell’emergenza sanitaria e visti i numeri poco confortanti si sta cercando di fare quadrato sugli ospedali Covid della provincia. Ad oggi si parla di una ventina di operatori sanitari in servizio a Cairo che da domani saranno trasferiti al San Paolo per affrontare la seconda ondata di contagi e incrementare le basse e medie intensità di cure.

Per la Val Bormida, però, è l’ennesima tegola che cade sulla testa degli utenti proprio alle porte dell’inverno, con i disagi che l’entroterra è tristemente abituato a dover affrontare. Molti i timori, anche tra i sindaci, come spiega il cairese Paolo Lambertini: “Essere consapevoli della situazione di grave emergenza e accettare queste decisioni è doveroso anche se per il futuro non si può pensare di avere per la Valle un ospedale a singhiozzo, le cose dovranno cambiare in modo drastico. Unico elemento positivo è il mantenimento degli ambulatori e il potenziamento del reparto di comunità, esperienza di concreta sinergia con gli altri ospedali della provincia. Il confronto che chiederemo come Distretto entro la fine della settimana col Presidente Toti è ancor più urgente per definire un futuro certo al nostro ospedale”.

“Un passo avanti e due indietro” è invece il commento del primo cittadino di Carcare, Christian De Vecchi, che pur comprendendo le ragioni manifesta i suoi timori per questa ennesima chiusura che penalizza sempre gli stessi cittadini.

“Sbagliare è umano, perseverare è diabolico – ribatte Roberto Molinaro da Cosseria – Coinvolgiamo l’esercito per sopperire al personale sanitario ma non chiudiamo gli ospedali”, a cui fa eco chi sostiene che sette mesi di lotte per riavere un presidio più o meno efficiente non siano serviti a nulla.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.