IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aumento contagi e ricoveri, Albenga si prepara a tornare “ospedale Covid”

Piano di emergenza della Asl 2 savonese, domani vertice sulla situazione sanitaria

Albenga. Possibile stop all’attività delle sale operatorie, limitazioni del PPI e delle attività ambulatoriali per le visite dei pazienti: il nosocomio di Albenga si prepara a ritornare “ospedale Covid” come nei drammatici giorni, settimane e mesi dell’emergenza sanitaria della scorsa primavera. Anche la terapia semi-intensiva potrebbe tornare ad essere vera e propria Rianimazione per infezione da Covid.

Ad ora nessuna decisione ufficiale o conferma, in quanto è previsto un vertice sanitario proprio per discutere la delicata questione e, nel caso, adottare nuove scelte operative, anche alla luce del boom di contagi registrati negli ultimi giorni (vedi bollettino di oggi).

La Asl 2 ha messo a punto un piano di emergenza per affrontare l’arrivo della cosidetta “seconda ondata”. Le direttive per l’ospedale di Albenga sarebbero una decisione “in considerazione dell’evoluzione del quadro epidemiologico, a maggiore tutela dei pazienti stessi e degli operatori sanitari”.

Tuttavia al momento, secondo quanto appreso, la situazione resta quella attuale. Inoltre, in caso di attuazione del piano sono previsti step progressivi, a cominciare dal blocco delle attività operatorie, ad esempio, e solo in caso di un peggioramento della pandemia si potrebbe pensare ad altro.

Qualora dovessero ancora aumentare i contagi verranno intanto aumentati i letti di media intensità per i malati Covid. Se questo dovesse accadere, personale medico e sanitario sarebbe inevitabilmente dirottato sull’ambito Covid e quindi potrebbero “rimetterci” gli altri reparti e le altre attività sanitarie dell’ospedale ingauno.

Sulla prospettiva, che rientra come detto nello stesso piano di emergenza della Asl 2, c’è stato oggi anche una telefonata tra il sindaco di Albenga Riccardo Tomatis e il commissario straordinario Asl 2 Paolo Cavagnaro.

Solo dopo la riunione si avranno indicazioni più precise in relazione alle fasi di attuazione del piano di emergenza nell’azienda sanitaria savonese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.