IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Appello di un lettore al sindaco De Vincenzi: “A Pietra Medica nessun parcheggio, si crei una zona di sosta”

"Si costringe anziani, disabili, malati e gente comune a sostare sulla strada o in zone distanti"

Pietra Ligure. “Mai come in questo momento siamo chiamati tutti a dare il nostro contributo, sia in termini di rispondenza alle norme emanate che ai virtuosi comportamenti individuali, questo al fine di non peggiorare le eventuali condizioni di salute dei più fragili e difendere gli interessi economici di chi sta, già da mesi, con grandissima fatica, portando avanti  la propria attività.

Pietra Medica è uno dei presidi medici che meritano tutto l’impegno possibile oggi e non solo domani quando il virus ci auguriamo sia sconfitto. Rappresenta un presidio strategico per Pietra Ligure e per tutta la vallata del Maremola e vedere che nessun corpo volontario né istituzionale fa attività di coordinamento per garantire una migliore fruizione, è quanto mai singolare.

Tra l’altro la zona è quasi tutta sprovvista di parcheggi, anche a causa di una irresponsabile quanto miope visione della gestione del bene pubblico e quei pochi presenti sono appannaggio dei tantissimi residenti della zona. Questo costringe anziani, disabili, malati e gente comune a sostare sulla strada o a ricercare parcheggi molto distanti . E finché il tempo è buono ancora ci si riesce, ma nelle giornate piovose e ventose (tra l’altro la zona ne soffre per la sua vicinanza al fiume e al fondo valle) la vita per queste persone in cerca di cura diventa ancor più critica.

Mi rivolgo pertanto a chi ha potere di disporre validi contributi alla soluzione, il sindaco di Pietra Ligure in prima persona perché si faccia parte attiva nel creare una zona di sosta dedicata alla struttura e insieme ai sindaci colleghi di Vallata sensibilizzare i tanti servizi di volontariato (Protezione Civile , Associazioni varie…) per le attività  di supporto esterne alla struttura, dal distanziamento alla possibilità di offrire informazioni ecc. Ho visto in altri Comuni vicini la presenza di sedi esterne a queste strutture per eseguire i tamponi , ecc….Perché da noi nulla?”.

Ivano Rozzi 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.