IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Anpi Finale Ligure, monito sulle violenze neofasciste per il disagio sociale: “Difendere i più deboli”

Intervento del presidente della sezione finalese Mirco Bruzzi sulla situazione legata al nuovo Dpcm

Finale Ligure. “Dopo anni di travagli la nostra sezione era riuscita ad eleggere un direttivo coeso e compatto proprio in pieno lockdwon. Con grande volontà e spirito di abnegazione abbiamo cercato di fare il possibile per riavvicinare i nostri iscritti. Con determinazione siamo intervenuti su vicende di stretta attualità che riguardano i nostri valori. Ci siamo prodigati per mantenere buoni rapporti con le istituzioni e le associazioni del nostro territorio. Abbiamo cercato di tenere un atteggiamento equilibrato su questioni per noi importanti evitando di alzare i toni o essere fraintesi durante il periodo elettorale”.

Così il presidente dell’Anpi finalese Italo Mazzucco, commentando la situazione a seguito del nuovo Dpcm per contenere la diffusione dei contagi.

“Facciamo nostro l’appello del comitato nazionale in quanto è giunto il momento del senso di responsabilità e di unità per tutti, governo e opposizioni, associazioni di ogni tipo, singoli cittadini. Nonostante qualche perplessità, riteniamo indispensabile rispettare con rigore i provvedimenti assunti dal governo a difesa della salute pubblica”.

“Occorrono però interventi immediati a tutela di tutte le categorie in difficoltà. In particolare vanno garantite le attività economiche più deboli e le figure professionali più fragili, già pesantemente colpite dallo scorso lockdown. Le pacifiche proteste sono del tutto legittime, ed è comprensibile anche l’esasperazione, perciò occorre dare risposte concrete ai bisogni che le motivano. Ma richiediamo l’energico intervento delle Istituzioni contro le organizzazioni neofasciste, di cui da tempo sollecitiamo lo scioglimento e che nei giorni scorsi, strumentalizzando il disagio sociale, hanno dato vita a incidenti e devastazioni”.

“Vanno messe subito nell’impossibilità di nuocere ulteriormente a garanzia della sicurezza di tutti e a difesa della democrazia. Anche in ambito locale siamo vicini e comprendiamo le proteste delle categorie penalizzate dall’ultimo DPCM e ricordiamo che dietro ad ogni attività ci sono famiglie e le fatiche di generazioni. Siamo altresì vicini a tutto il personale sanitario di nuovo in prima linea contro la pandemia e auspichiamo che le istituzioni e le forze politiche insieme sappiano assistere persone più deboli e bisognose” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.