IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Allarme vespa velutina anche nel savonese: da Vezzi Portio iniziativa per combattere il killer delle api

Allarme sulla produzione di miele

Più informazioni su

Parte da Vezzi Portio un’importante campagna per il monitoraggio, l’individuazione e la distruzione dei nidi di “calabrone asiatico” o “vespa velutina”.

Gli apicoltori Federica Delfino e Mirko Bulgarelli, dopo aver partecipato presso l’Università di Torino al corso “Progetto LIFE – Stop vespa velutina”, grazie alla collaborazione del Comune, hanno potuto organizzare un incontro pubblico (nel rispetto delle norme anti-Covid), per chiedere ai cittadini di segnalare altre presenze sul territorio di questo micidiale nemico delle api ed aiutar loro a combatterlo.

La “vespa killer”, proveniente dalla Cina, ha raggiunto l’ Italia attraverso la Francia e dopo aver nidificato in Liguria si è spostata verso la Toscana. In provincia di Savona ha già distrutto molte arnie a partire dall’albenganese.

Questo insetto, grande come un calabrone, è pericoloso anche per le persone in quanto la sua puntura può scatenare uno shock anafilattico.

A questo punto si teme fortemente per il settore dell’apicoltura e per l’impatto devastante sulla biodiversità e gli ecosistemi.

“Le nostre api non conoscono il nuovo nemico, non sanno ancora come difendersi dagli attacchi, e per neutralizzarlo non ci sono altri metodi se non quello della cattura della regina e la distruzione dei pericolosi nidi” affermano gli apicoltori.

Dalla “Royal Geographical Society” di Londra è partito il nuovo allarme poiché il 70% dell’agricoltura mondiale dipende dall’impollinazione effettuata dalle api. L’uso non controllato dei pesticidi, l’accentuarsi dei cambiamenti climatici, la deforestazione massiccia che riduce il numero dei luoghi sicuri per le api, la presenza del nuovo parassita rende ancor più grave il problema.

Dal “National Geographic” e dall’associazione degli Apicoltori Italiani “Unaapi” la produzione di miele è fortemente diminuita, nonostante la forte richiesta per l’export.

Gli apicoltori liguri sono 2.299 (753 nel savonese), con una dotazione di 30.815 alveari.

“Si parla poco di questo problema vitale che interessa non solo la produzione e il commercio del miele, ma tutto il ciclo della vita delle piante e molti coltivatori per avere una buona impollinazione noleggiano addirittura gli alveari (dati Copa-Cogeca). Grande merito va a quei coltivatori liguri e savonesi che grazie ad una “agricoltura biologica” non solo aiutano la vita delle api ma portano ai consumatori frutta e ortaggi di qualità, senza quei veleni che sono purtroppo responsabili di gravi malattie” sottolinea il portavoce della Federazione dei Verdi savonesi Gabriello Castellazzi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.