IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Varazze ha celebrato sul Monte Beigua il primo Memorial Day Fratelli Parodi

"Quando la vita è dipinta come un capolavoro, non termina con la morte, ma è ora che inizia davvero, attraverso l'impresa lasciata alla riflessione dei posteri"

Varazze. “Quando la vita è dipinta come un capolavoro, non termina con la morte, ma è ora che inizia davvero, attraverso l’impresa lasciata alla riflessione dei posteri”.

Con queste parole Stefano Armellin, insegnante, laureato in Scienze Religiose, ha ricordato, domenica 30 agosto 2020, i fratelli gemelli Emilio ed Enrico Parodi, varazzini, notissimi per le loro imprese di particolare impegno sportivo, non antagonistico, con chiari risvolti di una spiritualità che trovava nella natura risposte esaurienti alla loro sete di conoscere il mondo e se stessi, soprattutto attraverso le loro 2870 scalate al monte Beigua, a partire dal 1978 e sino al 2018. 

Armellin, amico e compartecipe di numerose “passeggiate” di montagna con i fratelli Parodi, ha tracciato, in un suo accurato studio, la personalità di Emilio ed Enrico, descrivendone gli aspetti più interessanti e reconditi, vere lezioni di vita legate alla natura, fuori da ogni logica di consumismo, un “Memorial” di sincero affetto organizzato con l’Agesci e il Comune di Varazze e celebrato in occasione della “Giornata Mondiale della Terra”, cornice ideale per questo ricordo.

Memorial Day Fratelli Parodi

Emilio ed Enrico Parodi, nati nel 1937 e scomparsi in questo 2020 (non di Covid-19), avvocati e già Insegnanti in Diritto, Economia e Finanze, sempre in prima linea nel Cimento invernale di nuoto di Varazze e di manifestazioni analoghe lungo la Riviera, hanno dato della loro vita un chiaro e sereno esempio di praticismo, rifuggendo dalla banalità di un benessere che consideravano falso e per molti aspetti inutile, indirizzando le proprie scelte alla cultura, visitando paesi e città con lo spirito della conoscenza di usi e costumi, veri arricchimenti per la crescita morale e spirituale dell’essere umano.

Il Monte Beigua, teatro del ricordo dei fratelli Parodi, ha vissuto così, per l’iniziativa meritoria di Stefano Armellin, una giornata veramente speciale ed emblematica, il 30 agosto 2020, alla presenza del Sindaco di Varazze, Alessandro Bozzano e dell’Assessore Ambrogio Giusto, Presidente della Comunità Parco del Beigua e di molti amici Scout.

Una messa è stata officiata dal priore del Convento di S. Anna (Deserto), padre Marco, che ha benedetto tre targhe commemorative poste in luoghi di particolare significato per i fratelli Parodi.

Ad arricchimento del “Memorial” sul monte Beigua, Stefano Armellin ha allestito presso l’Hotel Cristallo una mostra sul cammino di vita dei gemelli, con immagini illustrative che dalla Via Crucis e alla Via Lucis, portano alla Pentecoste, messaggio di impegno e di spiritualità che accompagna il ricordo eterno di Emilio ed Enrico Parodi.

Il Gruppo Adulti Scout Varazze, soddisfatto coordinatore dell’iniziativa, a fine giornata si è così espresso: “Ieri si è svolto regolarmente l’evento sul Monte Beigua, anche se con programma ridotto a causa avverse condizioni meteo: alle 12, santa Messa officiata da Padre Marco, Priore del Deserto, con a seguire il discorso del Sindaco Alessandro Bozzano, di Stefano Armellin e di ‘vecchi scout’ del gruppo, fondato da Carlo Nocelli. Si è quindi provveduto alla posa (provvisoria) di una foto-targa sul Monte Beigua. Targa che sarà fissata definitivamente a breve, insieme a quella sul Monte Ermetta, non raggiunto a causa nebbia. Il primo ‘Memorial Day Fratelli Parodi’ si è poi concluso al Rifugio Monte Beigua, con focaccette e salumi per tutti. Grazie all’indomita alpinista Ilaria Pietropaolo, per aver suggerito la bella frase per l’evento di domenica: “Il canto primaverile del cuculo ora è la vostra voce. Buon vento fra le vette che tanto amavate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.