IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Treni, i sindaci di Borghetto e Laigueglia: “No ai tagli delle fermate nelle piccole stazioni”

"Hanno un'importanza sociale"

Borghetto Santo Spirito/Laigueglia. No ai tagli delle fermate nelle piccole stazioni ferroviarie della Liguria. E’ questa la richiesta che arriva dal sindaco di Borghetto Santo Spirito Giancarlo Canepa e dal suo collega di Laigueglia Roberto Sasso Del Verme.

“È di qualche giorno fa la notizia che Regione Liguria ha stipulato una convenzione con l’Istituto Ligure per il Consumo per la verifica del rispetto dei parametri del contratto di servizio con Trenitalia – dicono i due primi cittadini – In particolare, ogni sei mesi, l’Istituto Ligure trasmetterà a Regione Liguria un report del monitoraggio con il dettaglio del traffico complessivo di passeggeri nelle stazioni a partire da quelle con minori fermate dei treni, in particolare: Mulinetti, Genova-Granara, Borghetto Santo Spirito, Laigueglia, Mele, Cavi, Quiliano-Vado, Ceriale, Genova-Acquasanta, Pontetto”.

“Non abbiamo dubbi che la finalità della Regione Liguria sia quella di verificare il rispetto degli standard per garantire servizi efficienti agli utenti e ringraziamo l’assessore regionale ai trasporti per l’attenzione ma temiamo che un analisi dei flussi dei viaggiatori nelle stazioni minori possa indurre Trenitalia a ragionare su un’ulteriore riduzione delle fermate. A tal proposito ci preme sottolineare l’importanza di mantenere in vita stazioni che, magari, sono economicamente poco sostenibili per via del numero di viaggiatori ma che rivestono un’importanza sociale molto rilevante visto l’utilizzo da parte di studenti, persone anziane e turisti soprattutto alla luce delle note problematiche infrastrutturali della nostra regione.”

“Il tanto atteso spostamento a monte dei binari da Finale ad Andora decreterà la fine di molte di queste stazioni portando tanti altri innegabili vantaggi ma fino ad allora, ci aspettiamo che Trenitalia, se non implementi, almeno mantenga attive tutte le fermate attuali nell’interesse degli utenti che quotidianamente utilizzano questo mezzo di trasporto”, concludono i due sindaci.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.