IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Plodio, Andrea Picalli e Giacomo Rossi approdano alla corte di mister Roso

La società propone una riflessione sul mondo dei dilettanti: "Più che incoraggiare la creazione di nuove società, sarebbe importante non far perdere la voglia di giocare ai ragazzi. Quello che manca è il materiale umano"

In questo inedito “mercato autunnale” risulta particolarmente attivo il Plodio del ds Fabio Abate. Ieri, i valligiani hanno annunciato l’innesto del centrocampista offensivo Nicolò Picozzi, vecchia conoscenza di mister Dario Roso (nella foto insieme ai due nuovi innesti) con il quale ha condiviso la fortunata esperienza con la casacca della Letimbro. Poco fa, il sodalizio biancoazzurro ha comunicato altri due inserimenti in rosa. I nomi sono quelli di Andrea Picalli, laterale offensivo classe 1988 che ha già giocato con il Plodio in passato, e di Giacomo Rossi, centrocampista classe 1997 con un passato tra le fila del Millesimo.

Si tratta di due giocatori che negli ultimi periodi avevano deciso lasciare gli scarpini appesi al proverbiale chiodo. Il Plodio, attraverso una nota, spiega i motivi alla base della scelta di puntare nuovamente su Picalli e Rossi proponendo anche una riflessione circa il mondo dei dilettanti nel suo complesso.

“Riteniamo che per il nostro calcio dilettantistico – si legge nel comunicato della società –  sia doveroso tentare di recuperare tutti quei ragazzi che hanno prematuramente appeso gli scarpini al chiodo per stress da prestazione o per eccessive aspettative. È inutile avere una federazione che sponsorizzi e spinga la nascita di nuove società quando cosa manca è il materiale umano. Nel calcio, come in ogni sport, l’agonismo e la competitività sono essenziali e imprescindibili, inutile negarlo, ma il raggiungimento del risultato, a nostro avviso, deve arrivare attraverso il divertimento. Vogliamo giocare per divertirci e per stare assieme, non negando che la vittoria sportiva aiuti questo scopo, ma ci vogliamo arrivare senza obblighi o pressioni. In questo anno strano, per certi versi tragico, abbiamo capito che è fondamentale stare bene assieme, soprattutto in uno spogliatoio, e ci è venuta voglia di provare a fare ritornare la passione per questo splendido sport ad alcuni di quei ragazzi che avevano perso l’entusiasmo“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.