IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, al via il Progetto Pedibus: come iscriversi e come diventare accompagnatore volontario

La settima edizione prenderà il via ufficialmente lunedì 5 ottobre

Più informazioni su

Loano. Prenderà il via ufficialmente lunedì 5 ottobre la settima edizione del Progetto Pedibus, l’iniziativa di mobilità sostenibile promossa dall’assessorato alla polizia municipale del Comune di Loano e coordinata dal comando della polizia municipale in collaborazione con le scuole Valerga e Milanesi.

Le famiglie che vorranno aderire al progetto non dovranno fare altro che compilare il modulo che è stato consegnato agli alunni questa mattina. Il documento dovrà essere riconsegnato alle insegnanti. La polizia municipale si occuperà poi di perfezionare l’iscrizione.

I genitori o i nonni che desiderino diventare accompagnatori troveranno nello stesso modulo le indicazioni per iscriversi. Chi, pur non essendo genitore o nonno, volesse proporsi come volontario può ritirare il modulo presso l’ufficio relazioni con il pubblico al pianterreno di Palazzo Doria o scaricarlo dal sito istituzionale del Comune di Loano. Una volta compilato, il documento va riconsegnato all’Urp o all’ufficio protocollo o inviato via mail all’indirizzo comando@comuneloano.it. Gli aspiranti volontari saranno poi ricontattati dalla polizia municipale. Alcuni di loro saranno tenuti a frequentare un “corso di formazione” sulle modalità per consentire ai bambini l’attraversamento dei passaggi pedonali in sicurezza.

In considerazione del perdurare dell’emergenza sanitaria da Covid-19, la polizia locale di Loano fornirà gel igienizzante all’inizio del tragitto di ogni linea; tutti i partecipanti, inoltre, saranno tenuti ad indossare le mascherine.

Spiegano il sindaco Luigi Pignocca e l’assessore alla polizia locale Enrica Rocca: “Raggiungendo ogni giorno la propria scuola a piedi anziché in macchina, gli alunni non solo contribuiscono alla riduzione delle emissioni atmosferiche e dell’inquinamento acustico, ma svolgono una salutare attività fisica e hanno l’occasione di stare a contatto con i loro coetanei. Inoltre, il progetto contribuisce ad educare i bambini a comportamenti responsabili e li invoglia a riflettere sui temi della salvaguardia dell’ambiente e dell’educazione stradale”.

“Desideriamo rivolgere un particolare ringraziamento a tutti i volontari, il cui contributo non riguarda solo lo spostamento da e verso i plessi scolastici, ma si concretizza anche nell’accompagnamento dei bimbi delle diverse classi durante le uscite didattiche ed in altri interventi al di fuori delle attività scolastiche. Un grazie speciale va a Marilena Marinelli: dopo aver coordinato per anni il progetto in qualità di agente della nostra polizia locale, da quest’anno vi prenderà parte nella veste di volontario. Nonostante il collocamento a riposo, il suo impegno per i membri più giovani della nostra comunità non è venuto meno e di ciò siamo fieri e grati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.