IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Inquinamento acustico delle ambulanze, polemica a Finale Ligure: “Il Comune chieda scusa alle pubbliche assistenze”

Il caso è approdato in Consiglio comunale con una mozione del consigliere Tiziana Cileto

Finale Ligure. La polemica era stata sollevata dalle stesse pubbliche assistenze lo scorso 25 agosto dopo una lettera inviata dall’assessore comunale al turismo Claudio Casanova che lamentava l’inquinamento acustico prodotto dalle sirene delle ambulanze in emergenza che avrebbero disturbato i turisti. Tutto sarebbe partito da una lettera inviata al Comune da una turista svizzera.

Sul caso non era mancato il duro intervento Claudio Massirio, presidente della Croce Verde di Finalborgo, che aveva rimarcato come l’utilizzo delle sirene era, come stabilito dai protocolli e dalle procedure, relazionato alle situazioni di gravità stabilite dal 118.

Oggi la vicenda è finita in Consiglio comunale grazie alla mozione presentata dalla consigliere Tiziana Cileto del gruppo “PerFinale”, che ha interpellato lo stesso assessore al turismo sul caso, ritenuto singolare considerata l’attività dei militi e delle stesse pubbliche assistenze sul territorio.

La richiesta: “Dietrofront su indicazioni alle pubbliche assistenze, con tanto di scuse formali da indirizzare alla Croce Verde di Finalborgo e alla Croce Bianca di Finale Ligure”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.