IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure, taglio del 25% per la Tari: “Aiuto alle attività produttive danneggiate dal lockdown”

Messi a bilancio 300 mila euro, il sindaco Frascherelli: "Promessa mantenuta tutelando gli equilibri finanziari dell'ente comunale"

Finale Ligure. “Lo avevamo promesso ed ora è realtà. Una riduzione di circa il 25% per le attività costrette alla chiusura durante il lockdown, un segnale da parte del Comune a sostegno delle numerose attività finalesi messe a dura prova dal Covid-19. Parliamo di una manovra di circa 300 mila euro. Denaro derivante dalle manovre di Bilancio messe in atto negli ultimi mesi, cui stiamo lavorando da tempo, con la finalità di raggiungere in primis gli equilibri di bilancio, garantire l’operatività dell’Ente e supportare imprese e famiglie”.

Parole del sindaco di Finale Ligure Ugo Frascherelli, che annuncia la riduzione del 25% della Tari 2020 alle attività produttive danneggiate dal periodo di lockdown a seguito dell’emergenza Covid.

“Questa azione è ulteriore dimostrazione di vicinanza e sensibilità a tutte le imprese del territorio che hanno subito il Covid, hanno affrontato una stagione difficile con molte incognite ed incertezze. Ed oggi si trovano ad affrontare un autunno ed un inverno all’insegna di ulteriori incertezze e paure. L’amministrazione c’è. Possono contare sull’istituzione a loro più vicina ed insieme affronteremo i prossimi mesi” aggiunge il primo cittadino finalese.

Le tariffe a partire da quest’anno subiscono una rimodulazione secondo le nuove indicazioni previste da Arera, anche per questo si è atteso fino ad oggi per la loro riapprovazione (l’amministrazione Frascherelli le aveva già approvate a dicembre 2019). Le rimodulazioni previste dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente prevede un leggero aumento (circa 8%) per le attività che non sono state chiuse durante il lockdown (come per esempio farmacie e supermercati) ed un aumento ancora più basso per le utenze domestiche.

“Con i 300 mila euro messi a disposizione, l’amministrazione si pone l’obiettivo di ridurre le bollette per le molte attività che hanno subito mesi di chiusura. Una diminuzione sia su parte fissa che su parte variabile della bolletta” conclude Frascherelli.

Pagamenti per le utenze domestiche: 3 rate mensili a partire dal 5 dicembre 2020, la seconda rata 16 gennaio 2021, terza rata 16 febbraio 2021.
Pagamenti per le utenze non domestiche: 12 rate mensili a partire dal 5 dicembre 2020.
Fermo restando la possibilità per tutti di pagare in unica soluzione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.