IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Disabilità e non autosufficienze, Melis (M5S): “Realizzare una reale e compiuta parità sociale”

Secondo l'esponente pentastellato, su questo tema dalla giunta regionale uscente sono arrivate "solamente promesse"

Genova. “Le disabilità e le non autosufficienze non hanno ricevuto, in questi 5 anni di centrodestra, le dovute attenzioni. Non solo. Facciamo addirittura fatica ad accusare la Giunta uscente di non aver rispettato il proprio programma. La ragione? È semplice: alle persone non autosufficienti o con disabilità, infatti, quel programma dedicava davvero poco e quel poco va cercato tra le pieghe di un documento farraginoso che diceva tutto e niente”, dichiara il consigliere uscente e candidato alle Regionali 2020 Andrea Melis.

“In merito, il M5S in Consiglio Regionale ha sempre alzato la voce: ricordiamo bene la richiesta di convocare un tavolo regionale permanente in grado di affrontare seriamente il tema della disabilità e della non autosufficienza in Liguria e di dare finalmente quelle risposte che genitori di pazienti disabili e associazioni di settore attendono da troppe anni a livello di tariffe, gestione dei posti letto nelle strutture e sostegno alle famiglie, sulle cui spalle oggi ricade il peso dell’intero settore”.

“Settore che nel nostro programma invece è chiaramente richiamato nel punto 1, “Salute Pubblica e Sistema Sanitario Regionale”, e senza troppi giri di parole. Noi vogliamo aumentare i fondi per le persone non autosufficienti e/o con disabilità, introducendo un assegno per l’assistenza personale per la vita indipendente e autodeterminata delle persone con handicap grave, e garantendo adeguate risorse per consentire alle persone con disabilità di vivere in maniera indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli ambiti della vita”, aggiunge Melis.

Che poi conclude: “È ora di realizzare una reale e compiuta parità sociale. Una parità cui dedicare risorse e politiche fattive e non, come abbiamo intravvisto nel 2015, solamente promesse. O peggio: mezze promesse”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.