IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Albenga a Roma a piedi per incontrare Conte, Mattarella e il Papa: “Emarginati meritano chance di reinserirsi” foto

Filippo La Rocca in viaggio per “sensibilizzare le istituzioni sulle difficoltà di tanti italiani. Dignità di ex detenuti, alcolisti o tossicodipendenti non deve essere calpestata"

Più informazioni su

Albenga. Dalla Città delle torri a Roma. Quasi 600 chilometri, che conta di riuscire a “coprire”, a piedi, nel giro di un mese circa. Un obiettivo chiaro: sensibilizzare istituzioni e privati sulla situazione di difficoltà in cui versano tanti cittadini italiani in particolare per quanto riguarda l’assenza o quasi di possibilità lavorative

Filippo La Rocca

Si tratta del 49enne albenganese Filippo La Rocca aderente all’associazione onlus Insieme si può (leggi qui) che ha voluto dedicare un pensiero particolare a tutti i cosiddetti “emarginati” della societa ovvero agli ex detenuti alcolisti e tossicoodipendenti che più ancora degli altri hanno difficoltà nel riuscire a reinsersi nella società

Ma, come recita un vecchio detto, il lavoro nobilita l’uomo e l’ingauno punta ad arrivare nella Capitale per incontrare il premier Conte, il presidente della Repubblica Mattarella e papa Francesco e ribadire questo principio.

La partenza di La Rocca è avvenuta questa mattina, in piazza San Michele, ad Albenga, e IVG.it lo ha intercettato dopo le prime centinaia di metri percorsi.

“L’idea di questa camminata è partita con l’intenzione di sensibilizzare tutta la comunità sulle difficoltá vissute da tante famiglie e, in particolare, dagli emarginati: parlo di ex detenuti, alcolisti o tossicodipendenti che vengono bollati per tutta la vita con l’etichetta di ‘criminali’, ma non è cosi. È giusto che tutti, loro compresi, abbiano opportunitá concrete per inserirsi nuovamente nella società”, ha spiegato ai microfoni di IVG.it.

“Nella maggior parte dei casi, queste persone non chiedono aiuti, ma solo la possibilità di avere un lavoro. Se non viene concesso, una persona non lavorando rischia seriamente di tornare a delinquere”.

“Il mio obiettivo è di destare attenzione da parte delle istituzioni e di incontrare il premier Conte, il presidente della Repubblica Mattarella e papa Francesco per sensibilizzarli su questo tema. Voglio che vengano incontro a tutti gli italiani in difficoltà. Non parto per fini politici, ma solo da italiano e, in quanto tale, ci tengo che la mia dignitá e quella di tutte le persone in situazione difficile, non venga calpestata da nessuno. Non dico di cambiare radicalmente le leggi, ma servono modifiche sostanziali”, ha proseguito.

Supportato da numerosi sponsor locali (associazioni e attivitá commerciali del savonese), La Rocca ha contribuito attivamente anche all’attivitá benefica dell’associazione onlus albenganese “Insieme si può”: “La mia sarà un’avventura vera e propria perchè parto senza un itinerario predefinito, ma forte dell’appoggio di tanti, in particolare dell’associazione con cui collaboro e che ringrazio. Con loro, nel periodo Covid e post-Covid, abbiamo toccato con mano le difficoltá di circa 250 famiglie del savonese. Questa camminata è anche per loro e la speranza è anche quella di coinvolgere piú privati e attivitá possibili, che possano aiutarci ad aiutare ancora”, ha concluso La Rocca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.