IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consumi in Liguria, calo dell’11,1% per l’emergenza Covid e il caos autostrade

Studio di Confcommercio e analisi sui generi alimentari

Liguria. Le conseguenze dell’emergenza sanitaria a fasi alterne quello che emerge dall’aggiornamento dell’analisi dei consumi nelle regioni italiane per il 2020 effettuata dall’Ufficio Studi di Confcommercio.

“Si conferma una forte eterogeneità nei tassi di variazione della spesa per consumi regionali nel 2020; se a livello nazionale, infatti, la previsione è di un calo del 10,9% (pari a una perdita di 116 miliardi, 1.900 euro pro capite), il Nord risulta l’area più penalizzata mentre nel Mezzogiorno la riduzione della spesa sul territorio è più contenuta .In ogni caso, il quadro complessivo appare sconfortante e in tutti i territori, per differenti ragioni, dovrebbero passare almeno cinque anni per tornare ai livelli di spesa pro capite del 2019” commenta Paolo Odone, presidente di Confcommercio Genova.

In Liguria rispetto ai 32 milioni spesi durante il 2019, si arriva ai 28 milioni di spesa corrente dei liguri, con un calo del 11,1 %, fatto registrare dai 3 milioni in meno spesi dai cittadini.

Le stime dei consumi sul territorio sono parametrate alle nuove valutazioni macroeconomiche per l’Italia relative all’anno in corso (che tengono conto dei dati ufficiali provvisori per il secondo quarto del 2020): PIL -9,3%, consumi dei residenti -9,6%, consumi sul territorio -10,9% (la variazione dei consumi sul territorio per il 2020 era stimata pari a -5,6% e -8,0% rispettivamente ad Aprile e Maggio).

“Le differenze tra le dinamiche dei consumi sul territorio e dei residenti riflettono la caduta dei turismi attivi – sottolinea Odone – È opportuno ricordare che i consumi sul territorio (italiano e regionale) si riferiscono alla spesa effettuata da chiunque nel territorio di riferimento. Pertanto, le stime, soprattutto nella metrica dei consumi per abitante, risentono della differente presenza dei turisti stranieri nella regione e, quindi, della differente incidenza in termini di spesa. Le determinanti dell’evoluzione della spesa regionale sono rappresentate dall’impatto che alcuni consumi hanno sul territorio, in primis i consumi turistici (dalla ristorazione al tempo libero) e l’acquisto di autovetture”.

Nell’elaborare le stime si è attribuito un ruolo importante ai consumi turistici soprattutto da parte degli stranieri (partendo dai dati sulla spesa della Banca d’Italia per il 2019), nella consapevolezza che per almeno buona parte dell’anno questa componente verrà a mancare totalmente.

Per affinare le stime si è tenuto conto anche della diversa incidenza regionale delle unità locali produttive sospese durante la fase 1 e della quota di occupati nella Pubblica Amministrazione sul totale occupati: la maggiore quota di soggetti meno vulnerabili rispetto a riduzione delle ore lavorate e delle retribuzioni garantisce una migliore tenuta dei consumi regionali. I dipendenti pubblici costituiscono il 9,2% degli occupati in Lombardia e oltre il 20% in Calabria.

Come ulteriore elemento di differenziazione si è valutata anche l’incidenza di alcune spese meno comprimibili (abitazione, energia, alimentari e istruzione) nei bilanci delle famiglie.

“La situazione che emerge è preoccupante – termina Paolo Odone presidente di Confcommercio Genova – e per quanto riguarda Genova e la Liguria si aggiunge un dato assai pesante che aggrava la situazione. Vale a dire i lavori sulle autostrade liguri che hanno causato – come è ben noto – gravissimi disagi con code interminabili. Le ripercussioni sono state gravissime per tutti i settori ma in particolare per il turismo”.

Molti turisti che volevano fare una breve vacanza in Liguria hanno rinunciato , viste le difficoltà di raggiungere le varie località , con conseguenze su tutto il comparto del turismo e a caduta su commercio e servizi. “Rimangono pertanto fondamentali le riforme strutturali, da finanziare in parte con i fondi europei, per tornare a crescere a ritmi più coerenti con le legittime aspettative di famiglie e imprese”.

Acquisto alimenti

Quanto ai consumi alimentari è stato registrato un calo del 10% nel 2020, causato principalmente dalle difficoltà subite dalla ristorazione, canale privilegiato per prodotti locali di alta qualità, che non viene compensato dal leggero aumento della spesa domestica. Per sostenere l’economia dei territori ed essere sempre sicuri della qualità dei prodotti acquistati, è importante scegliere le grandi eccellenze Made in Liguria, dentro e fuori le mura domestiche. Lo afferma la Coldiretti Liguria, secondo l’analisi della Coldiretti, basata su dati Ismea, dalla quale si evidenzia un taglio complessivo della spesa a tavola di ben 24 miliardi, a livello nazionale, per effetto dell’emergenza Coronavirus, nonostante che, in termini percentuali, la spesa dedicata alla tavola abbia retto rispetto alle altre spese, che hanno avuto un crollo maggiore.

“Da quando è iniziata la pandemia – affermano il presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il delegato confederale Bruno Rivarossa – le nostre imprese hanno dovuto fare i conti con una situazione di mercato non facile, che però, nel tempo, ha fatto emergere una maggior consapevolezza, nell’intera società, sul valore strategico della filiera del cibo”.

“A pesare non poco sull’agroalimentare del territorio, è stata la chiusura, durante il lockdown, della ristorazione, uno dei canali di vendita privilegiati di prodotti come vino, birra, olio, carne, pesce, frutta, verdura ecc…, e settore sta uscendo dalla crisi non senza difficoltà, a causa delle minori disponibilità economiche delle famiglie, la diffidenza dei consumatori e per la minor presenza di turisti stranieri rispetto al passato, che rappresentano una fetta importante della clientela”.

“Per supportare le nostre imprese, sono necessari interventi di sostegno per difendere la nostra sovranità alimentare e non dipendere dall’estero per l’approvvigionamento di prodotti, in un momento di grandi tensioni internazionali sugli scambi commerciali. Infine è di fondamentale importanza che tutti noi continuiamo a sostenere le nostre imprese agricole ed ittiche scegliendo, dagli scaffali al ristorante, sempre prodotti del territorio, tracciabili e di qualità garantita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.