IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Città circolari”, Savona protagonista dello studio di Enel su sostenibilità, inclusione sociale e tecnologie

Mobilità elettrica, energia rinnovabile, efficientamento energetico, illuminazione pubblica e gestione degli edifici

Savona. Enel ha pubblicato il suo terzo studio sulle città circolari intitolato “Città circolari – Le città di domani”, dedicato a come i paesaggi urbani di domani possano raggiungere la sostenibilità ambientale, l’inclusione sociale e la competitività economica. Due le città liguri citate nel documento. Genova, dove la società sta adottando una soluzione di City Analytics per l’analisi e l’ottimizzazione del trasporto in tempo reale, e ha installato oltre 200 punti di ricarica per veicoli elettrici. E Savona dove, nel Campus Universitario, è attivo un Living Lab creato per sviluppare e testare tecnologie per reti intelligenti in un ambiente reale e controllato.

Lo studio è stato condotto con il contributo della società Arup, leader a livello globale nel campo dell’edilizia sostenibile, il Gruppo Intesa Sanpaolo, banca all’avanguardia nei finanziamenti per l’economia circolare, e Future Food Institute, ONG focalizzata sulle future sfide legate al cibo in una prospettiva circolare.

A Genova, Enel sta adottando una soluzione di City Analytics per l’analisi e l’ottimizzazione del trasporto in tempo reale, inclusa l’installazione di un’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici diffusa in tutta la città, con oltre 200 punti di ricarica. Dal 2017, nel campus dell’Università di Genova a Savona, è attivo un Living Lab creato per sviluppare e testare tecnologie per reti intelligenti in un ambiente reale e controllato, grazie ai suoi carichi elettrici reali, prodotti dal campus stesso, oltre a impianti di produzione distribuita, tra cui fotovoltaico, co-generazione, stoccaggio di elettricità ed energia a concentrazione solare (CSP – Concentrating Solar Power).

Inoltre, il Gruppo sta sostituendo 33 milioni di contatori intelligenti di prima generazione in Italia con dispositivi di seconda generazione e, man mano che i vecchi contatori vengono smontati, plastica, metalli vari e componenti elettronici vengono opportunamente lavorati per essere utilizzati nella produzione di materie prime secondarie.

Michele Crisostomo, presidente del Gruppo Enel, ha commentato: “È all’interno delle città che la nostra società pulsa di vita e si evolve. Ogni città è diversa per architettura, cultura e contesto storico, ma tutte sono il frutto della propensione dei nostri antenati a riunire e formare comunità. L’urbanizzazione ha vissuto una repentina accelerazione negli ultimi anni, dal momento che oggi le città ospitano più della metà della popolazione mondiale e generano oltre l’80% della produzione economica globale, oltre a tutte le sfide sociali, economiche, ambientali e, come recentemente sperimentato, sanitarie. Ecco perché è fondamentale promuovere nelle nostre città la competitività economica, l’inclusione sociale e il rispetto per l’ambiente, considerando tali obiettivi in una visione che unisca innovazione e sostenibilità e che si esprima più compiutamente nell’economia circolare. La transizione verso un modo di vivere più circolare costituisce la soluzione migliore ai problemi che le città si trovano oggi ad affrontare, nonché un passo avanti indispensabile per migliorare la qualità della vita nelle città di domani.”

Francesco Starace, amministratore delegato del Gruppo Enel, ha commentato: “Molto prima che l’umanità potesse vedere il bagliore delle luci delle città dallo spazio, Parigi era chiamata la “Ville lumière”, evidenziando la grande conquista che fu l’illuminazione pubblica ai tempi. Dall’invenzione dell’illuminazione pubblica abbiamo percorso molta strada e nelle nostre città utilizziamo sempre più energia, specialmente sotto forma di elettricità, per il lavoro e la vita quotidiana. L’elettricità è, e sarà sempre di più, la linfa vitale delle città grazie alla crescente elettrificazione. In quanto attore chiave nel campo dell’energia, vogliamo contribuire allo sviluppo di una visione urbana sostenibile per il futuro. Per farlo, abbiamo iniziato coniugando obiettivi di sostenibilità economica, sociale e ambientale, prendendo in considerazione tutti i settori e gli elementi che compongono una città. Questa visione, ancora più urgente se consideriamo le difficoltà del periodo attuale, si riflette nello studio che stiamo presentando oggi ed è implementata nei progetti di città circolari che stiamo realizzando nel mondo, i quali rappresentano un ulteriore contributo verso un futuro più sostenibile”.

Le città generano oltre l’80% della produzione economica mondiale ma sono anche il luogo in cui le sfide globali sono più critiche. Re-immaginare le città di domani in termini di qualità di vita migliore, seguendo un approccio basato sull’economia circolare, rappresenta un’enorme opportunità: dal punto di vista ambientale, in quanto l’economia circolare può contribuire fino al 45% all’impegno per la decarbonizzazione globale entro il 2050 (Ellen MacArthur Foundation, 2019); dal punto di vista sociale, in quanto l’economia circolare dovrebbe creare posti di lavoro meno sostituibili dall’automazione, che richiedono nuove capacità e competenze, laddove l’ultima stima di Enel e The European House – Ambrosetti (2020)[2] parla della creazione di 2,5 milioni di posti di lavoro in Europa associati all’economia circolare nel 2018; e da un punto di vista economico, in quanto la competitività di materiali e risorse, unitamente all’uso di energia rinnovabile, può assicurare servizi più competitivi per i cittadini e minori costi per le imprese.

L’approccio della città circolare conserva il ruolo fondamentale della tecnologia integrandola in una visione più olistica, in una governance aperta e nei principi dell’economia circolare al fine di conseguire la competitività economica, la sostenibilità ambientale e l’inclusione sociale. I partenariati pubblico-privati svolgono un ruolo importante nell’implementare tale approccio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.