IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, i tifosi tornano allo stadio: mille a partita per Genoa e Samp

Per ogni partita di Serie A sarà concesso l'ingresso a mille tifosi, che dovranno, ovviamente, rispettare le distanze tra persone

Più informazioni su

Liguria. Stadi aperti a mille tifosi per le partite di Serie A. Questa è la novità che sarà normata questa sera attraverso una nuova ordinanza di Regione Liguria che aprirà le porte del Ferraris ai supporters rossoblucerchiati, come già successo in altre regioni.

E come in altre regioni, però, l’ingresso sarà limitato a mille persone a partita, con tutte le norme sul distanziamento tra persone previsto dal ministero in questi casi. “Varrà per le partite di Genoa e Sampdoria, le cui società ci hanno inoltrato i protocolli di sicurezza che sono stati giudicati validi”, ha sottolineato il governatore Giovanni Toti.

La misura sarà presa in via sperimentale, come successo per altre città, mentre continuerà il monitoraggio della situazione sanitaria, come stabilito dalla conferenza stato regioni delle scorse settimane. Se questo non comporterà un sensibile aumento della diffusione del virus, allora sarà mantenuto e forse esteso, altrimenti le porte del Ferraris torneranno a chiudersi. Il primo appuntamento per ritorno nel “tempio” sarà quindi il match tra Sampdoria e Benevento, che si disputerà sabato 26 settembre alle ore 15.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.