IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Arraffa la caparra e scappa”: 7 persone denunciate dai carabinieri per truffe online

Case vacanza e macchine “fantasma”. Nella rete: Albenga, Pietra Ligure e Borghetto

Albenga-Pietra-Borghetto. Sono 7 le persone denunciate per truffa dai Carabinieri delle Stazioni di Albenga, Pietra Ligure e Borghetto Santo Spirito nelle ultime settimane. La maggior parte di questi episodi hanno riguardato case vacanze “fantasma”, date in affitto attraverso i noti siti online, ma non solo.

Un fenomeno sempre più frequente, che si intensifica con il periodo estivo e a maggior ragione quest’anno dove, a causa dell’emergenza Covid, le famiglie hanno scelto di affittare abitazioni piuttosto che prenotare negli alberghi. Le denunce hanno colpito un torinese di 38 anni, una coppia di Cerignola (FG), due uomini residenti a Napoli e altri due di Roma.

In particolare, il 38enne di Torino aveva inserito un annuncio sul “Marketplace” di  “Facebook” col quale affittava una casa vacanza sul lungomare di Borghetto S.S.  All’annuncio aveva aderito un cittadino dell’Equador che aveva versato la caparra di 250 euro. Ricevuto il bonifico, il truffatore si è reso irreperibile.

Stesso sistema è stato messo in atto dai due uomini di Roma che hanno affittato due inesistenti case vacanze, a Pietra Ligure ed Albenga, attraverso il sito “Subito.it”. All’annuncio hanno risposto una famiglia piemontese ed una lombarda. Anche in questo caso, dopo aver versato la caparra di 300 euro, i truffatori si sono dileguati nel nulla.

La coppia di Cerignola invece aveva messo in vendita un’autovettura sul sito “Autoscout 24”, spacciandosi per un concessionario piemontese. Ricevuto l’anticipo di 1.900 euro, anche la coppia ha fatto perdere le sue tracce. 

L’uomo residente a Napoli, infine, aveva messo un’inserzione per l’affitto di una casa sul sito “Idealista”. All’annuncio aveva risposto una donna, che aveva versato una caparra di 350 euro. Come da copione, anche questo truffatore si è reso irreperibile dopo aver ricevuto il denaro.

I Carabinieri, dopo aver ricevuto le denunce, si sono messi al lavoro incrociando i dati dei tabulati telefonici, dei movimenti sui conti correnti e sulle poste pay dove sono stati fatti i pagamenti, dell’attività dei truffatori sui siti internet, individuazione degli IP. Un lavoro documentale lungo e accurato, che ha portato all’identificazione dei responsabili. Alcuni di loro sono truffatori seriali, che vivono proprio tendendo trappole su internet per fare soldi.

Il Comandante della Compagnia dei Carabinieri Sergio Pizziconi ha colto l’occasione per sensibilizzare ancora i cittadini sul come difendersi dalle truffe on line: “Prima di procedere all’acquisto, o alla transazione, è bene effettuare una semplice ricerca per individuare eventuali commenti sull’inserzionista. Prediligendo colui che ha feedback positivi e buone opinioni. Chiedere all’inserzionista il maggio numero di informazione cercando poi di verificarle tramite internet”. 

“Evitare affari troppo vantaggiosi. Spesso il desiderio di realizzare un acquisto a prezzo stracciati crea i presupposti della truffa. Anche la scelta della modalità di pagamento è un fattore determinante. È sconsigliato l’uso di carte di credito o bancomat agganciati al conto corrente, i cui dati, nelle mani sbagliate, consentirebbero un facile prosciugamento delle risorse disponibili”.

“Meglio  utilizzare carte prepagate recanti un importo appena necessario all’acquisto: in tal modo, difatti, anche se vi fosse un tentativo di clonazione, si rischierebbe di perdere solo l’importo ricaricato. Sono preferibili, inoltre, i  modi di pagamento  con paypal che da la possibilità, in caso di mancata ricezione dell’ordine o altri disguidi, di richiedere (motivando ovviamente) l’annullamento della transazione ed il rimborso del prezzo pagato tramite il riaccredito della somma (provvisoriamente) corrisposta. Infine, per qualsiasi evenienza, e bene sempre rivolgersi al 112 o alla Stazione Carabinieri più vicina”, ha concluso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.