IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Crosetto e Chirivì: “Fratelli d’Italia contraria a realizzare inceneritori e impianti inquinanti a Cianciarin” foto

Nel mirino il progetto presentato dalla Aimeri Consulting: alimentare la caldaia di una Spa attraverso il recupero delle risorse idriche da fanghi di depurazione

Più informazioni su

Albenga. Il Circolo di Fratelli d’Italia di Albenga interviene nel dibattito “relativo alla realizzazione, in Località Cianciarin, prospettata dall’amministrazione comunale, di un impianto di smaltimento dei fanghi di depurazione” e si dichiara “contrario ad ogni ipotesi di inceneritori, bruciatori ed impianti impattanti ed inquinanti sul territorio comunale”.

Il riferimento è al progetto presentato dalla Aimeri Consulting, che nell’ambito della procedura di liquidazione della società Ecoalbenga si è proposta di acquistare il terreno in località Cianciarin: l’idea prevede, attraverso il recupero delle risorse idriche da fanghi di depurazione, di alimentare una caldaia in grado di generare calore che potrà essere utilizzato per la realizzazione di un centro benessere con annessa SPA.

Un progetto che però al partito di Giorgia Meloni non piace. Così il segretario di Fratelli d’Italia, Alessandro Chirivì: “Abbiamo appreso, con una certa preoccupazione e da numerose fonti, notizie secondo le quali, dietro alla foglia di fico della realizzazione di un centro benessere, si nasconderebbe l’intenzione di costruire un impianto industriale di smaltimento e incenerimento dei residui di depurazione, che altro non sono che la parte solida del contenuto delle fognature che viene separata dalla parte liquida per effetto della grigliatura”.

Interviene anche il presidente del Circolo, Roberto Crosetto: “Non vorremmo che il costo, economico e sociale, dei debiti della società Ecoalbenga ricada sulla cittadinanza e sulle attività produttive agricole di eccellenza della piana, con la realizzazione di un impianto potenzialmente inquinante dove verrebbe bruciata, perché di questo si tratta, e quindi immessa nell’atmosfera, la parte solida recuperata dalla fognatura”.

“Quali quantitativi di rifiuti di depurazione verrebbero smaltiti in quell’impianto? – si chiedono dal Circolo di Fratelli d’Italia – Dove verrebbero scaricate le acque inquinate dai colibatteri fecali estratte dai residui solidi? Quali garanzie ci sono che non verrà compromessa la salubrità e l’utilizzabilità per scopi alimentari ed igienici della nostra falda acquifera? Quale impatto olfattivo avrebbe un trattamento su vasta scala di residui maleodoranti in una zona prossima alla Val Neva, dove gli abitanti sono già costretti a tollerare i miasmi della produzione del bitume? Quali garanzie sul fatto che una volta bruciato ed immesso nell’atmosfera, il materiale residuo di depurazione non si vada a depositare sui terreni, sulle colture e venga respirato dai cittadini? Quali i possibili danni, anche in termini di immagine?”.

“Gravi e preoccupanti interrogativi che addensano nubi sulla tutela e salvaguardia dell’ambiente del nostro territorio – insistono – che rischiano di far tornare di attualità i fantasmi di alcuni nefasti progetti tristemente al centro delle cronache politiche locali dell’ultimo decennio e che l’impegno di molti uomini di buona volontà e di diversi schieramenti era riuscito a respingere in tempi nemmeno troppo lontani, nella speranza che, quei progetti, usciti dalla porta, non cerchino di rientrare dalla finestra”.

“Chiediamo che venga fatta chiarezza e che, nella massima trasparenza, venga reso pubblico il progetto di realizzazione dell’impianto in tutti i suoi dettagli, in modo tale che la cittadinanza possa prenderne visione e farsi un’idea precisa di ciò che si vuole realizzare, ed i consiglieri comunali chiamati ad approvare il progetto possano esprimere il loro parere, favorevole o contrario, nel contraddittorio con la cittadinanza, con le associazioni di tutela ambientale e con le associazioni di categoria, principalmente agricole maggiormente interessate dalle ricadute della eventuale realizzazione del progetto”, concludono Alessandro Chirivì e Roberto Crosetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.