IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una carrozzina sportiva per danzare: si realizza il sogno della piccola Ginevra

Grazie alla donazione della Regione e all'impegno della scuola dell'Asd Semplicemente Danza

Savona. Il 30 luglio la Regione Liguria ha consegnato ufficialmente a Ginevra Accoto, di 10 anni, una carrozzina sportiva per la danza paralimpica.

Si realizza così il sogno nel cassetto di Ginevra che sin dall’età di 4 anni chiedeva di poter danzare libera come le sue compagne d’asilo.

Tutto questo si è potuto concretizzare grazie all’esistenza in città di una “scuola di danza inclusiva, priva non solo di barriere architettoniche ma anche, soprattutto, di quelle mentali”. E’ quella dell’Asd Semplicemente Danza con sede presso il centro polifunzionale “Le Officine di Savona”.

L’incontro con il direttore artistico e fondatore della scuola, la campionessa italiana ed europea della categoria non vedenti Luisella Frumento, ha permesso ai genitori di Ginevra di comprendere che “certi limiti, anche importanti, si possono abbattere semplicemente permettendo a chiunque di sperimentare la gioia di esprimere se stesso attraverso la bellezza, l’eleganza, lo stile ed il ritmo della danza”.

Ginevra Accoto Carrozzina Danza

“Semplicemente Danza, attraverso la professionalità e la sensibilità del maestro Davide Mori Romeo, ha accompagnato Ginevra per mano affinché potesse accettare la carrozzina come ausilio per poter danzare. In coppia con Samuele, un atleta suo coetaneo ballerino di danza classica con cui è in perfetta sintonia, Ginevra ha potuto sperimentare, oltre al linguaggio corporeo, anche momenti inclusivi di divertimento e svago, stima reciproca, una crescente motivazione e tanta voglia di confrontarsi e migliorarsi”.

I genitori di Ginevra hanno detto che “vederla con i nostri occhi felice e fiera di esibirsi davanti a chiunque, senza timori, audace e concentrata come non immaginavamo ci ha aperto gli occhi e permesso di superare tutte le insicurezze che avevamo pensando, erroneamente, di esporre la nostra bimba ai pregiudizi della gente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.