IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scuole, Regione: “Al via bando per accedere ai voucher per le scuole paritarie”

Sarà fruibile a partire da martedì 18 agosto e resterà tale fino al 18 settembre

Liguria. “Da martedì 18 agosto le famiglie liguri potranno fare domanda di accesso ai voucher per frequentare le scuole paritarie in Liguria, rivolgendosi direttamente agli istituti scolastici. Il bando resterà aperto fino al 18 settembre e comunque fino a esaurimento fondi”.

Lo ha annunciato Regione Liguria che, attraverso l’assessorato alla Formazione, ha anche fatto sapere di “aver previsto uno stanziamento di 2,8 milioni di euro per far fronte all’emergenza Covid e andare incontro alle categorie più colpite, con l’obiettivo di sostenere la libera scelta educativa delle famiglie e consentire il contenimento delle rette, evitando l’incremento dovuto agli extra costi delle normative anti-Covid”.

Il contributo della Regione “potrà essere concesso a fronte di regolare iscrizione per l’anno 2020-2021 presso le scuole paritarie e potrà essere presentato dalle famiglie attraverso gli istituti scolastici per alunni iscritti alle scuole paritarie dall’infanzia e secondarie di secondo grado. Sarà poi la struttura a presentare domanda di contributo a Filse, per conto della famiglia, accedendo al sistema dei bandi on line di Filse”.

Il voucher, del valore previsto di 160 euro una tantum pro quota per ciascun bambino e alunno, resterà alla scuola, ma “eviterà l’aumento delle rette e sarà un aiuto per molti istituti a rischio chiusura”.

“Si tratta di una misura eccezionale così come straordinaria ed emergenziale è la situazione che il sistema della scuola paritaria si è trovato a fronteggiare. Di fronte alla scarsità di contributi statali concessi alle scuole paritarie, Regione Liguria ha voluto dare un sostegno a questo comparto, fortemente in crisi, per fare in modo che gli istituti possano rimanere aperti e che le famiglie liguri possano continuare a scegliere liberamente il percorso formativo dei propri figli”, hanno concluso dall’ente regionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.