IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scuola, Azzolina: “Piano per aprire e non richiudere”, ma in caso di contagio i presidi: “Stop da valutare con l’Asl”

Ancora alcune incertezze per i 171 mila studenti presenti nella nostra regione

Liguria. Ci sono ancora alcune incertezze per i circa 171 mila studenti presenti nella nostra regione che sperano di poter rientrare in classe e avere un contatto diretto e fisico con insegnanti e compagni. Non si può, però, escludere la possibilità che al rientro si registrino alcuni casi di contagio da Covid-19: in quel caso bisognerà “valutare la chiusura dell’istituto solo di concerto con l’autorità sanitaria, cioè l’Asl, e dopo aver valutato le circostanze” ha dichiarato all’Ansa il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli.

Non ci possono essere regole generali nè ci si può affidare esclusivamente a parametri numerici” ha fatto sapere il presidente affermando che: “Predisporre un locale interno ad ogni istituto scolastico per l’accoglienza degli eventuali casi sintomatici di coronavirus o sospetti è una delle misure previste dalle linee guida dell’Anp per l’apertura dell’anno scolastico 2020-2021″.

Nel frattempo la ministra dell’istruzione Lucia Azzolina sta ancora lavorando non solo per riaprire le scuole (che apriranno le porte già dal 1° settembre per chi ha bisogno di recuperare, e accoglieranno la prima lezione il 14 settembre), ma “per fare in modo che poi non richiudano“: “Nessuno di noi pensa che si possa tornare a un lockdown generalizzato – ha affermato la ministra in un’intervista al Corriere della Sera – Siamo più preparati. E laddove si verificasse qualche caso locale, abbiamo considerato il rischio chiusura e preparato gli strumenti per affrontare la situazione”. Gli strumenti di cui parla Azzolina comprendono libri, pc, device, zainetti (acquistabili con i fondi stanziati dal Governo), da utilizzare in occasione di una chiusura di tutte le aule.

Per ulteriori dubbi e insicurezze, il ministero dell’istruzione ha anche attivato sul suo sito un’unica sezione dedicata a tutte le informazioni sul rientro a scuola a settembre, con documenti del Ministero, del Comitato Tecnico-Scientifico per l’emergenza relativi al settore scuola, i link alle pagine degli Uffici Scolastici Regionali. “Soprattutto ci sono le risposte alle domande più frequenti” rassicura Azzolina.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.