IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Santa Corona, Righello (Pd) all’attacco: “Neurochirurgia quasi azzerata, a rischio il Dea di II livello”

"L'ennesima picconata a un'eccellenza sanitaria che la Giunta ligure ha sistematicamente depotenziato"

Pietra Ligure. Continua, anche durante gli ultimi scampoli di legislatura, il costante depauperamento dell’ospedale di Pietra Ligure da parte della Giunta regionale dei centrodestra. Adesso, a finire sotto la scure di Toti-Viale-Locatelli è la Neurochirurgia: un reparto fondamentale per un Dea di secondo livello come il Santa Carona.

“In queste settimane, complice la continua riduzione del personale medico, l’attività neurochirurgica all’interno dell’ospedale è stata quasi azzerata e dirottata altrove” afferma il vicecapogruppo del Pd in Regione Liguria Mauro Righello -. L’ennesima picconata a un’eccellenza sanitaria che la Giunta ligure ha sistematicamente depotenziato nel corso di questi anni di disastri in campo sanitario”.

“A furia di tagli la Giunta Toti sta mettendo seriamente a rischio il Dea di secondo livello al Santa Corona (unico ospedale del ponente ligure ad avere queste caratteristiche)”.

“Il Partito Democratico, come ha sempre fatto in questi anni, si batterà per salvaguardare l’integrità di questo importantissimo presidio sanitario” conclude l’esponente Dem, in corsa per le prossime elezioni regionali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.