IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regionali, Brunetto (Lega): “Orgoglioso di essere stato chiamato a rappresentare il mio territorio”

"La sanità è stata messa a dura prova dalla recente emergenza sanitaria"

Più informazioni su

Genova. “Sono molto emozionato per l’inizio di questa nuova avventura. Ma sono anche molto orgoglioso per essere stato chiamato a rappresentare il mio territorio. Ringrazio il segretario federale Matteo Salvini, il segretario nazionale ligure Edoardo Rixi, i senatori Francesco Bruzzone e Paolo Ripamonti, l’onorevole Sara Foscolo e gli amici della Lega per aver voluto condividere con me questo percorso. E grazie in anticipo a tutti i cittadini che vorranno accordarmi la loro fiducia”. Lo dichiara Brunello Brunetto, candidato alle elezioni regionali della Liguria per la Lega, che questa mattina a Genova ha partecipato alla presentazione delle liste e dei candidati del Carroccio.

toti brunello brunetto

“Come i marinai vengono messi a dura prova nella burrasca, così la sanità è stata messa a dura prova dalla recente emergenza sanitaria. Ciò che è emerso in maniera prepotente è stata l’inadeguatezza del territorio a rispondere a questa situazione. Se gli ospedalieri, di cui io faccio parte, hanno dato certamente risposte sufficienti, pur dovendo fronteggiare numerose difficoltà riorganizzative, d’altro canto risulta evidente che la sanità territoriale è da potenziare. In questo momento ci troviamo con tre linee operative (gli ospedalieri, i medici di medicina generale e i distretti) ma il rischio è che queste linee non si incrocino in maniera corretta. Perciò ho deciso di candidarmi alle elezioni regionali: per dare il mio contributo di tecnico (con alle spalle 36 anni di carriera da medico ospedaliero) e migliorare questa situazione”. 

toti brunello brunetto

“Per quanto riguarda il territorio savonese, in questa fase dobbiamo risolvere il ‘nodo’ relativo ai quattro ospedali. C’è in corso una gara per la privatizzazione di due di essi (il Santa Maria di Misericordia di Albenga ed il San Giuseppe di Cairo Montenotte) della quale si attende la conclusione. Le decisioni che verranno prese in tal senso guideranno il processo di riorganizzazione dei quattro ospedali. In ogni caso, sia che gli ospedali rimangano a gestione completamente pubblica, sia che vengano gestiti come centri privati convenzionati (cosa che non significa che i cittadini dovranno pagare per ricevere le prestazioni, ma che la struttura funzionerà a tutti gli effetti come un ospedale pubblico), occorrerà capire chi fa cosa e dove. Se non si metterà la parola fine a tutta una serie di sovrapposizioni e di equivoci le cose non potranno funzionare adeguatamente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.