IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regionali 2020: tra sindaci, assessori e consiglieri candidati, è rischio “domino”. I possibili scenari

Tra ufficialità annunciate e non, decine gli amministratori del savonese che prenderanno parte alla tornata regionale

Più informazioni su

Liguria. Consiglieri comunali, tanti, ma anche assessori, sindaci e vice figurano tra i candidati alle prossime elezioni regionali 2020 (il nostro “Speciale Elezioni”, leggi qui), in programma a settembre. 

Divisi tra i vari schieramenti, sono numerosi e provenienti quasi da ciascun Comune. Alcuni enti, addirittura, vedono 3 o 4 amministratori, nei ruolo più disparati, pronti ad affrontare la sfida del voto regionale. 

La curiosità sta ovviamente nel capire i possibili scenari, in particolare per le loro amministrazioni, alcune delle quali potrebbero rimanere orfane anche della propria “guida”, con l’ipotesi di elezioni anticipate. 

Ma, andiamo con ordine, cominciando a snocciolare i nomi degli amministratori comunali del savonese che prenderanno parte al voto. Non sono certo tutti poiché numerose sono state le candidature ufficializzate, ma potrebbero esserci ancora delle new entries. 

Partiamo dai sindaci della nostra provincia: il sindaco di Laigueglia, Roberto Sasso Del Verme, candidato alle regionali con la Lega; il sindaco di Varazze, Alessandro Bozzano, candidato con la lista “Toti Presidente”; il sindaco di Bergeggi, Roberto Arboscello, candidato con il PD così come il collega di Cisano sul Neva Massimo Niero, sempre nelle file dei ‘dem’; il sindaco di Villanova d’Albenga Pietro Balestra, candidato con Forza Italia-Liguria Popolare. 

Proprio i primi cittadini rappresentano sicuramente il caso più spinoso. Questo perché dopo il voto, in caso di elezione in Regione, il primo cittadino avrà a disposizione una piccola “finestra” di tempo per decidere il da farsi. Se dovesse accettare l’incarico in Regione, a quel punto inizierebbe un periodo di reggenza, con il suo vice pronto a prenderne il posto, ma anche con successive elezioni anticipate. 

Quando? Al primo turno utile, ovvero, in questo caso, in contemporanea con i Comuni già chiamati al voto nel 2021, il prossimo anno (Savona, Balestrino, Borgio Verezzi, Calice Ligure, Castelbianco, Loano, Spotorno, Stella, Stellanello, Testico e Tovo San Giacomo).

Esempio esplicativo: Alessandro Bozzano (per citarne uno) è stato rieletto sindaco di Varazze solo lo scorso anno, ma se dovesse decidere, in caso di elezione, di andare a Genova, allora a quel punto toccherebbe al reggente trainare il Comune fino alle elezioni comunali 2021, a cui, dunque, si aggregherebbe in questo caso anche Varazze, con un voto anticipato. 

Uno scenario che si è già presentato anche nel recente passato, ad esempio ad Alassio, dove l’allora sindaco Marco Melgrati fu eletto consigliere regionale e lasciò il posto in Comune al suo vice, Gianni Aicardi. 

Capitolo assessori (e vicesindaco). Vediamo insieme quali sono quelli ufficializzati: il vicesindaco di Andora Patrizia Lanfredi con la lista “Toti Presidente”; il vicesindaco di Millesimo Francesco Garofano, candidato con Fratelli d’Italia; l’assessore allo Sviluppo Economico di Savona Maria Zunato, candidata con la Lega; l’assessore alla Cultura di Savona Doriana Rodino, candidata con Forza Italia-Liguria Popolare; l’assessore allo Sport di Cairo Montenotte Caterina Garra, candidata con la lista “Toti Presidente”; l’assessore ai Lavori Pubblici, sempre di Cairo Montenotte, Fabrizio Ghione, candidato con Forza Italia-Liguria Popolare. 

Se uno degli amministratori, vicesindaco e/o assessori dovesse essere eletto perderà in automatico, o meglio dovrà lasciare, il proprio incarico amministrativo, ma potrebbe comunque restare in consiglio comunale. 

Esempio esplicativo: se il vicesindaco di Andora Patrizia Lanfredi dovesse essere eletta in Regione, dovrebbe lasciare il ruolo di vice, che sarebbe poi riassegnato, ma potrebbe comunque continuare la sua attività tra i banchi del consiglio comunale. 

Infine, il capitolo legato ai consiglieri comunali: Eraldo Ciangherotti, consigliere di Albenga, candidato con Forza Italia-Liguria Popolare; Vincenzo Munì, consigliere ingauno candidato con Italia Viva-Massardo Presidente; Barbara Pasquali, consigliere di Savona, candidata con Italia Viva-Massardo Presidente; Simona Saccone, consigliere comunale, candidata con Fratelli d’Italia; Marco Ravera, consigliere comunale, sempre di Savona, candidato con Linea Condivisa-Sansa Presidente; Rita Lasagna, consigliere di Sassello delegato a Cultura e Turismo, candidata con Linea Condivisa-Sansa Presidente; Jan Casella, consigliere comunale di Alassio, candidato per Sansa Presidente; Diego Distilo, presidente del consiglio comunale di Albenga, candidato con Fratelli d’Italia.  Tra i candidati anche Nello Balzano di Carcare, che correrà per la Regione tra le fila di Linea Condivisa.

Il caso dei consiglieri è sicuramente il più “semplice” poichè, nonostante l’elezione in Regione, gli eventuali eletti potranno comunque mantenere entrambi i ruoli, compreso quello nel consiglio comunale. 

E’ bene precisare che gli amministratori con doppio incarico (in consiglio comunale e in consiglio regionale) non percepiranno doppi emolumenti.

Il termine ultimo per la presentazione delle liste è il 21 agosto, perciò è possibile che la lista stilata finora subisca qualche cambiamento, con ingressi e defezioni dell’ultimo minuto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.