IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Privatizzazione ospedali, convocato il distretto socio-sanitario ingauno. Pasa (Cgil): “Anche la Valbormida risponda alla nostra richiesta”

E' in programma per giovedì 27 agosto alle 18

Provincia. E’ in programma per giovedì 27 agosto alle 18 la riunione del distretto socio-sanitario albenganese richiesta da Cgil, Cisl e Uil di Savona per discutere della “scellerata scelta della Regione di privatizzare parte della sanità pubblica ligure, soprattutto nelle province di Imperia e Savona (interessando gli ospedali di Bordighera , Albenga e Cairo Montenotte)” e del “preoccupante stato di degrado in cui si trovano le strutture che insistono sulla nostra provincia perché depotenziate in attesa del privato”.

Alla luce di questa situazione, nelle scorse settimane i sindacati avevano chiesto a tutti i sindaci e consiglieri dei Comuni interessati (una quarantina in tutto) la convocazione di due incontri distinti ai distretti socio-sanitari dei territori interessati dall’operazione di privatizzazione (cioè Val Bormida e albenganese).

Come spiega il segretario della Cgil Andrea Pasa, la richiesta di incontro ha come obiettivo “quello di coinvolgere tutta la politica e gli amministratori locali sui temi legati alla sanità (ospedali, rete territoriale e altro) partendo da un monitoraggio della situazione attuale, gli impegni dell’amministrazione regionale ancora disattesi in termini di investimenti in personale, strutture e strumentazione e soprattutto per condividere linee guida comuni per salvaguardare la salute di tutti i cittadini e il ripristino e il funzionamento degli ospedali fondamentali per due territori molto provati anche dalla crisi socio-economica degli ultimi anni. Insomma, incontri costruttivi”.

Il distretto socio sanitario albenganese ha fissato l’incontro per giovedì 27 agosto alle 18 mentre “constatiamo che il distretto valbormidese non ha ancora preso in considerazione la nostra richiesta (non avendo ancora ricevuto nessuna risposta ufficiale in merito, se non di alcuni sindaci che si rendono disponibili ad effettuare la riunione perché preoccupati) non ha calendarizzato nessuna riunione, ma soprattutto insiste nel strumentalizzare politicamente richiesta legittima di Cgil, Cisl Uil”.

“Lo diciamo ancora una volta e in maniera molto chiara: alle organizzazioni sindacali savonesi (che rappresentano insieme migliaia di cittadini che vivono nella nostra provincia) interessa il buon funzionamento della sanità e un nuovo modello che non può e non deve essere quello messo in campo fino ad oggi da chi ha la responsabilità politica regionale per farlo. Insisto nel dire che la cosa pubblica se non funziona non è per difetti strutturali del pubblico ma per la gestione di incompetenti”.

“La soluzione non è privatizzare (semmai ci riescano, visto che fino ad oggi neppure quello sono stati in grado di fare) ma affidare il pubblico a competenti. Perché altrimenti non crolla la sanità regionale, come confermato dalla corte dei conti poche settimane fa, ma crolla il Paese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.