IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Privatizzazione ospedale di Albenga, Tomatis: “Subito una proroga per il mantenimento dell’ortopedia protesica”

Si terrà oggi pomeriggio la riunione del distretto socio-sanitario albenganese richiesta da Cgil, Cisl e Uil di Savona

Albenga. Si terrà oggi pomeriggio la riunione del distretto socio-sanitario albenganese richiesta da Cgil, Cisl e Uil di Savona per discutere dell’affidamento ai privati della gestione dell’ospedale di Albenga. L’affidamento riguarda anche l’ospedale di Cairo Montenotte: anche in questo caso le associazioni sindacali hanno chiesto un’ulteriore riunione di distretto in Valbormida.

In particolare, per quel che concerne l’ospedale Santa Maria di Misericordia il focus sarà anche la situazione nella quale versano i lavoratori che attualmente operano nel reparto di chirurgia protesica.

Spiega il sindaco Riccardo Tomatis: “L’ulteriore interruzione della procedura di assegnamento dell’ospedale di Albenga ai privati, per la quale la nostra Amministrazione si è sempre dichiarata sfavorevole, ha messo in difficoltà anche il reparto di chirurgia protesica e chi vi lavora che si trova in una situazione di assoluta incertezza. Il reparto di chirurgia protesica convenzionato ha limitato, negli anni, la fuga di pazienti verso strutture extraregionali ed è una realtà estremamente importante per l’offerta sanitaria del nostro territorio. Non possiamo permetterci di perdere anche quella”.

“Per quanto concerne i lavoratori, poi, una proroga fino a ottobre della convenzione con il Policlinico di Monza è, francamente, troppo poco per poter pensare ad una riorganizzazione e ricollocazione del personale. Mi auguro che venga ulteriormente prorogata la convenzione almeno fino a che la questione non si sarà risolta in modo da non perdere i posti di lavoro e, al tempo stesso, continuare a dare un servizio sanitario che, se interrotto, creerebbe non solo un aggravio di spesa per l’Asl (determinato dalle fughe fuori regione) ma anche un disagio per i nostri pazienti.
Indipendente dall’assegnazione dell’ospedale a chi poi avrà i titoli per gestirlo chiediamo, quindi, che questo reparto così importante per l’offerta sanitaria locale venga mantenuto in vita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.