IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maria Luisa Formato (UDC): “Unica vera unione di centro, a testa alta e con sguardo rivolto al futuro”

Assessore per due legislature a Borghetto, oggi candidata con l'UDC alle Regionali 2020 nei collegi di Savona e Imperia

Più informazioni su

Liguria. “Siamo qua per volere di un gruppo che è 20 anni che si conosce e ci crede fortemente. Una squadra che crede nei valori della democrazia cristiana e dello scudo crociato. Abbiamo sposato volentieri il progetto di Toti e siamo contenti di esserci. E ci tengo a precisarlo: l’unico vero scudo crociato, l’unica vera unione di centro è l’UDC, da noi rappresentata”. 

Maria Luisa Formato UDC regionali

Si è presenta così, con grande verve e passione, Maria Luisa Formato, assessore per due legislature a Borghetto Santo Spirito e oggi candidata con l’UDC nei collegi di Savona e Imperia.

“Il voto del 20 e 21 settembre – ha proseguito – sarà importante anche per quella fetta di cittadini che non si ritrovano nelle idee di sinistra e destra estreme o di centrodestra e centrosinistra e che hanno voglia di far riviere un partito che ha rappresentato sicuramente una componente importante della storia dell’Italia”.

“Per quanto riguarda il mio apporto e quello dei miei colleghi, al di là del risultato finale, ci tengo a porre l’accento su tutto il grande lavoro che c’è stato dietro. Abbiamo messo candidati in tutte e 4 le province e questo significa che l’UDC c’era, c’è e ci sarà sempre. Oggi, con queste elezioni, buttiamo un primo ‘sassolino’, che è solo l’inizio di un qualcosa che porterà alla nascita di un progetto più grande e ampio”, ha proseguito.

Un po’ di “storia”: “Con il coordinatore regionale UDC Umberto Calcagno e il segretario provinciale di Savona Roberto Pizzorno abbiamo voluto ricostruire un gruppo ventennale, – ha spiegato ancora Formato. – Io ho iniziato la mia carriera politica con l’UDC proprio da qui (dal Comune di Borghetto Santo Spirito). Ho fatto l’assessore per due legislature, imparando a mettere la mia persona la servizio dei cittadini. E quando l’UDC mi ha chiamato ho detto un grande ‘sì'”.

“Toti ha governato in maniera esemplare e lo dico da ligure, da cittadina che ha visto la nostra Regione crescere sotto diverdsi punti di vista: dall’aspetto turistico a quello delle infrastrutture, nonostante la situazione delle autostrade, che hanno minato la Liguria, ma che non sono certe dipese dalla Regione. Ma noi non vogliamo guardare al passato, bensì al futuro. Siamo un gruppo che vuole lavorare oggi a testa alta, ma con i piedi ben piantati a terra”.

Infine, un messaggio di Formato rivolto ai giovani: “Ai più giovani dico questo: in tornata elettorale regionale la cosa più importante è innanzitutto andare a votare. Voglio esortarli a credere ancora nei valori della politica e nella possibilità che si possa sempre migliorare. E sono davvero convinta che con l’UDC si possa fare. Riusciremo a fare un salto in avanti, magari con una percentuale che nessuno si aspetta”, ha concluso.

Di seguito, la lettera del coordinatore regionale UDC Umberto Calcagno in vista delle elezione Regionali 2020: “L’UDC è il partito dei valori democratici che si rifanno alla nascita della Repubblica, e da sempre rappresenta i sentimenti di Centro. Il Centro è il corpo e l’anima del nostro agire politico e ha una sua originale identità lontano dalle estreme tendenze, siano esse di destra o di sinistra”.

“Il Centro è pertanto il punto di equilibrio della democrazia, in grado di salvaguardare tutte e tutti i cittadini con l’obiettivo di creare una rinnovata armonia, che pur nel rispetto delle diverse opinioni, eviti il degrado della politica nei rapporti umani e sociali. L’UDC ha e mantiene una sua forte identità nei valori cristiano-democratici rappresentati dallo Scudo Crociato, che hanno salvaguardato e sviluppato l’Italia dalla seconda guerra mondiale in poi. Come nella vita, anche in politica, il Centro è la sola realtà̀ capace di raccogliere e considerare le istanze di tutti, dando priorità̀ alla concreta soluzione dei problemi piuttosto chea calcoli demagogici o propagandistici: ‘Equilibrio e buon senso’ sono parti integranti della politica dell’UDC. Questo vuol dire anche sapersi assumere il peso delle responsabilità per tutti”.

“L’UDC ha a cuore la famiglia quale cardine principale della nostra società e sa comprendere le istanze di libertà individuale nella sfera privata; ha consapevolezza della saggezza e del valore sociale degli anziani e mette in atto azioni mirate di contrasto alla solitudine e sostegno alle fragilità; sostiene i giovani nello studio, nella cultura e nell’avviamento al lavoro quali leve del futuro; considera l’imprenditoria privata una soluzione al rilancio dell’economia, e promuove l’intervento pubblico a salvaguardia dei settori chiave di sviluppo del nostro paese. Particolare attenzione dovrà essere posta ai settori dell’innovazione tecnologica e della green economy; si occupa della tutela dei lavoratori e delle lavoratrici apprezzando e valorizzando anche il ruolo del pubblico impiego; salvaguarda il diritto alla sanità pubblica per una sempre più efficiente tutela sanitaria dei cittadini e considera, altrettanto positivamente, il contributo che la sanità privata può dare a beneficio della collettività; promuove la semplificazione burocratica in grado di far ripartire le grandi opere, senza sottovalutare il pericolo mortale delle mafie”.

“Da tempo assistiamo alla corsa sfrenata da parte di molteplici forze politiche per garantirsi spazio, voti e consenso nel cosiddetto Centro. É evidente a tutti, ma ci preme sottolinearlo con forza, che queste manovre strumentali ed opportunistiche non sono sostenute da quei valori di moderazione, democrazia, spirito di servizio e senso dello Stato che da sempre contraddistinguono l’azione politica dell’UDC. Essere di Centro significa non lasciarsi incantare da facili slogan o spot propagandistici che poi si rivelano poveri di contenuti e spesso ingannatori, ma significa impegnarsi attraverso il pensiero e l’agire per il bene comune.

“Oggi, nel 2020, abbiamo bisogno di donne e uomini liberi e forti, con la passione e la forza di riconoscersi e riunirsi nel grande progetto di giustizia e libertà nella casa comune dello scudo crociato. Non lo richiede solo la politica, ma la stessa convivenza civile per il futuro del nostro Paese e della nostra Liguria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.