IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, l’opposizione: “Il vicesindaco si ‘scalda’ per una pseudomoschea mentre tace sugli ‘scempi’ locali”

"Censuriamo gli atteggiamenti che creano allarmismi dove non è necessario"

Più informazioni su

Loano. “Il Consiglio comunale di ieri sera ha affrontato (con un ritardo di sei mesi rispetto alla presentazione per i noti eventi pandemici) un’interrogazione a firma LoaNoi – Pd Da Sempre per Loano su un accadimento del gennaio 2020 che ha visto come protagonisti (negativi) i rappresentanti della locale sezione della Lega”. Lo rendono noto gli esponenti politici della lista civica LoaNoi.

“Il motivo dell’interrogazione era molto semplice e si limitava a censurare certi atteggiamenti tipici di un certo modo di fare politico finalizzato a creare allarmismi anche dove (come i fatti hanno poi dimostrato) non è necessario”, proseguono.

“La nostra interrogazione si limitava a ribadire non solo il fatto che non si può impedire ad altre culture e religioni di riunirsi per poter esercitare questo loro diritto (costituzionalmente riconosciuto da uno Stato laico) ma anche che il controllo sul corretto esercizio di questo diritto era comunque di competenza delle forze dell’ordine e delle istituzioni e non necessitava (com’era stato paventato all’epoca) di comitati di controllo, ronde, etc. Provocatoriamente avevamo fatto un cenno al codice penale e al reato di procurato allarme”, afferma ancora la lista civica.

“La risposta del sindaco è stata per noi soddisfacente, coerente e conforme ai principi da noi rappresentati nella nostra interrogazione. A rovinare la serata ci ha pensato il vicesindaco Lettieri, novello leghista, che ci ha deliziato della sua solita lezioncina (dopo le passate lezioncine sulle pedane dei dehor, fortunatamente ritirate, e quelle sulla differenza fra facce e lati delle vetrine espositive dei commercianti, che lui voleva chiudere totalmente poiché potevano dar luogo a pericolose vendite irregolari sul suolo pubblico) sulla differenza fra centri culturali e moschee”, criticano i rappresentanti di LoaNoi – Pd Da Sempre per Loano.

“Non contento (dovendo fornire ai suoi nuovi ‘compagni’ di avventura la prova d’amore del tipico ‘celodurismo’ padano) muoveva nei confronti delle minoranze l’accusa di essere a favore dell’illegalità, in quanto il luogo in questione risultava essere a tutti gli effetti una moschea abusiva (ad oggi qualcuno ricorda interventi interdittivi nei confronti del centro in questione da parte dell’amministrazione?)”, afferma la lista civica.

“Tralasciando il fatto che sentir parlare di legalità da un rappresentante della Lega è come sentire parlare Cicciolina della bellezza della verginità, l’intervento è stato offensivo nel tono (arrogante) e offensivo anche nel merito, perché di tutto possiamo essere accusati tranne del fatto di sostenere comportamenti illegali per il solo fatto di aver ‘tirato’ le orecchie a chi, per mera convenienza politica, contribuisce (basta leggere i social e soprattutto certe pagine di esponenti leghisti) all’imbarbarimento della società, alla diffusione dell’odio nei confronti del diverso, del debole, del poveraccio e di chi ha la sfortuna di nascere nelle parti più sfortunate del globo”, dichiarano ancora gli esponenti politici.

“Ecco perché ci siamo sentiti offesi e abbiamo deciso di abbandonare il Consiglio ed è stato un peccato, come è un peccato che il vicesindaco si ‘scalda’ per una pseudomoschea (che, come ha sostenuto il sindaco, ad oggi non ha generato alcun problema) mentre tace e si gira dall’altra parte di fronte a certi ‘scempi’ locali (anche da lui condivisi nella sua veste di componente della giunta che amministra la città) che affliggono la nostra città, a partire dal decoro e pulizia, per passare alla gestione degli impianti sportivi, alla gestione della viabilità (leggasi corso Roma), etc. Ringraziamo quei componenti della maggioranza, sindaco compreso, che hanno espresso al nostro capogruppo la loro solidarietà”, concludono i rappresentanti di LoaNoi – Pd Da Sempre per Loano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.