IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ferragosto, i problemi sono arrivati prima del previsto. Il Covid non da’ tregua: discoteche nel mirino

Il governo vuole chiuderle nei prossimi giorni, ma potrebbe non essere la soluzione migliore 

Più informazioni su

Savona. È Ferragosto, ma si presenta più problematico di quanto avessimo sperato. Avevamo parlato di una ‘bolla’ che ci facesse arrivare senza pensieri non tanto lontano, ma almeno a domenica 23, ben consci che dopo sarebbero arrivati i problemi.

Non ce l’abbiamo fatta, ovviamente per colpa del maledetto Covid che preoccupa sempre di più, anche dalle nostre parti. 

Ognuno dice la sua, ma il dibattito si è accanito sul destino delle discoteche, luogo facilmente individuabile come pericoloso per i contagi e magari anche un po’ peccaminoso. 

Certamente la vita in discoteca non è il massimo per praticare il distanziamento fisico. Restiamo però dell’idea che locali all’aperto, ben gestiti e organizzati, siano sempre meglio che lasciare liberi tutti quei ragazzi di fare danni (più danni) altrove. 

Poi ci sono le eccezioni, beninteso, come quanto accaduto a La Kava di Bergeggi, chiusa d’autorità per una serie di inadempienze (leggi qui). 

Sul tema intrattenimento è intervenuto, in un’intervista pubblicata oggi da La Stampa, il numero uno Flavio Briatore. Ha detto in sostanza che le discoteche al chiuso sono defunte e non torneranno mai più e che questa brutta esperienza della pandemia ha costretto i bravi imprenditori ad aguzzare l’ingegno.

Lui al suo Billionaire di Porto Cervo non fa più discoteca ma dinner show: più comodo e redditizio con meno grane. 

Ha poi affermato che occorre riportare in Italia russi, americani e arabi (il suo business è quello) e che gli aiuti al turismo che si concretizzano con bonus e robe del genere non servono a nulla. “Piuttosto – ha concluso in sostanza – meglio aiutare le famiglie a fare la spesa al supermercato”. Perché fa affari con i ricchi ma non è uno sprovveduto.

Per le discoteche dal governo fanno sapere che si’, facciano pure Ferragosto ma poi vanno chiuse. Facile a dirsi ma non a farsi, con l’intreccio di competenze tra Stato, Regioni e Comuni. Soprattutto Regioni e in particolar modo dove si vota, come in Liguria. Vedremo già nei prossimi giorni come finirà l’ennesimo balletto all’italiana. 

Voltiamo pagina. Avevamo seguito con attenzione alcuni argomenti che neppure a Ferragosto vorremmo lasciare per strada.

La scuola. Ormai è chiaro che non tutti gli istituti, come facilmente prevedibile, avranno per tempo i famosi banchi con le ruote. Non è chiaro invece se le singole scuole dovranno prepararsi (manca solo un mese) a un doppio binario: qualche tempo con i banchi normali e poi – opla’ – cambiare tutto e adeguare le aule ai banchi con le ruote. Ci sembra francamente un percorso ardito.

L’Isola Gallinara. I giorni trascorrono implacabili ma – passata l’onda su cui gettarsi per finire sui giornali – nessuno ne parla più. “Il Centa mormorò, non passi lo straniero!”. Ma presto serviranno sull’unghia i soldi garantiti dal ministro Franceschini, come ha spiegato l’onorevole Vazio. 

Autostrade. Mentre a Genova c’è stata la cerimonia più commovente, quella con i familiari delle vittime, la situazione dell’esodo verso la Riviera non sembra presentare (per ora) particolari criticità. Incrociando le dita, perché basta poco per cambiare tutto da un momento all’altro. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.