IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

È morta Franca Valeri, un suo spettacolo in scena a Genova a fine agosto

Simbolo di classe e ironia, aveva appena compiuto 100 anni. Appuntamento a Genova per uno spettacolo gratuito

Più informazioni su

Liguria. Tutta Italia piange la scomparsa dell’attrice Franca Valeri, simbolo universale di ironia e classe, prima voce femminile autonoma della scena italiana. L’attrice, nata a Milano nel 1920, aveva appena compiuto 100 anni il 31 luglio.  Si è spenta intorno alle 7.40 nella sua casa di Roma.

Sue le icone popolari della Signorina Snob o della Sora Cecioni. Un umorismo raffinato e una satira capaci di sedurre gli intellettuali e conquistare il pubblico più popolare. Una protagonista anche nella scrittura teatrale e nella regia per la lirica.’ ‘Ogni volta che mi illudo d’incontrare quel signore che ritengo sia il teatro, mi rendo conto di vivere la più bella illusione della mia vita”, ha sempre dichiarato.

La storia della “signorina snob” si intreccia con quella del Ponente ligure: a Ventimiglia, il 16 gennaio 1960, l’attrice si sposò con il collega Vittorio Caprioli nella chiesa di Sant’Agostino, come da lei raccontato nella sua autobiografia “Bugiarda no, reticente”, pubblicata nel 2010. Nel 2014 Franca Valeri era tornata nella Riviera dei Fiori come ospite d’eccezione della seconda serata del Festival di Sanremo, presentato da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, e per l’occasione era tornata a vestire i panni di uno dei suoi personaggi più celebri e amati dal grande pubblico, la sora Cecioni.

Per chi vorrà ricordarla e celebrarla, il 29 agosto nell’ambito della rassegna Tir – Teatro in rivoluzione organizzata dal Teatro Nazionale di Genova andrà in scena “La vedova Socrate“, un monologo scritto da Franca Valeri e ispirato a un breve testo di Dürrenmatt. “Il monologo nasce da un’idea di Peppino Patroni Griffi, il quale si è divertito così tanto a leggere il racconto di Dürrenmatt che me lo ha passato. Mi ha subito attratto l’idea di dar vita a Santippe, una massaia che si muove in un mondo di filosofi”, spiegava l’autrice.

L’appuntamento è in piazza della Vittoria alle 21, dove un camion è stato trasformato in palcoscenico teatrale. Lo spettacolo è a ingresso gratuito e si svolge nel rispetto delle normative anti-Covid. Anche per questo motivo si chiede al pubblico di prenotare i propri posti in anticipo tramite il sito teatronazionalegenova.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.