IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Distilo candidato alle Regionali con FdI, Pd Albenga: “La sua scelta non sarà dimenticata”

Tomatis più tranquillo: "Amministrazione con diverse anime, massima liberà per chi ne fa parte"

Albenga. Essendo tutti “informati delle sue intenzioni” e avendo lui “in maniera molto corretta e trasparente” rimesso le deleghe al sindaco e abbandonato la maggioranza, la decisione del presidente del consiglio comunale di Albenga, Diego Distilo, di candidarsi alle elezioni regionali tra le fila di Fratelli d’Italia non ha causato (almeno apparentemente) il terremoto politico che tutti si aspettavano in seno all’amministrazione comunale di Albenga. Il Pd ingauno, tuttavia, pare molto meno ben disposto e “abbozza ma non dimentica”.

L’indiscrezione era stata lanciata da IVG.it lo scorso 9 luglio e, pur avendo acquisito sempre maggiore fondatezza nel corso delle ultime settimane, ha avuto conferma definitiva stamattina, con la presentazione ufficiale dei candidati di Fratelli d’Italia.

La scelta di Distilo non è del tutto sorprendente: nel corso della sua carriera, infatti, il geometra ingauno ha ricoperto l’incarico di assessore nell’amministrazione di Rosy Guarnieri (Lega); nel 2018, poi, si è candidato a Ceriale, sempre con le liste di centro-destra.

Nel 2019 Distilo ha partecipato alle elezioni comunali di Albenga alla testa di una lista civica; premiato non a sufficienza dagli elettori ingauni, al successivo ballottaggio ha dato appoggio alla lista (di centro-sinistra) dell’altro candidato sindaco Riccardo Tomatis, risultato poi vincitore e oggi primo cittadino della città delle Torri.

Con questa nuova candidatura con Fratelli d’Italia, dunque, Distilo pare rimettersi sulla “strada maestra” dell’area di centro-destra. Una scelta che, tuttavia, non può non far insorgere qualche dubbio sulla compattezza ed, eventualmente, sulla tenuta dell’amministrazione Tomatis.

Il sindaco è molto tranquillo: “Diego Distilo non ha mai fatto mistero di essere di centro-destra e di essere sostenuto da un elettorato di centro-destra che però, in occasione delle ultime elezioni amministrative, non si identificava con i candidati di quella particolare area. Da questo punto di vista è sempre stato molto coerente. Noi eravamo informati delle sue intenzioni. Prima di ufficializzare la sua candidatura, Diego ha riconsegnato le deleghe al sindaco ed è uscito dalla maggioranza. In questo senso è stato molto trasparente, lineare e corretto”.

Niente terremoto, dunque: “Non è un mistero che la nostra amministrazione sia composta da gruppi che sono prevalentemente di centro-sinistra ma conta anche su rappresentanti di sensibilità e orientamenti diversi. Ma resta sempre vero il fatto che alle amministrative si valutano e si dà fiducia alle persone più che ai partiti. Quindi massima liberà da parte di chi è entrato in maggioranza”.

Nella segreteria del Pd pare esserci una tranquillità simile, ma la scelta di schieramento del presidente del consiglio ingauno non è stata digerita del tutto: “Distilo ha rimesso le proprie deleghe e ha deciso di uscire dalla maggioranza, almeno in questa fase elettorale – conferma il segretario Ivano Mallarini – Il suo comportamento è stato dunque corretto. Ma si candida con Fratelli d’Italia, in una lista che ha valori antitetici rispetto a quelli del Pd. Questo non potrà essere dimenticato”.

Nemmeno Mallarini è troppo sorpreso dalla scelta di campo di Distilo: “Sapevamo che aveva desiderio di candidarsi alle regionali, ma fino a poco pareva che non avrebbe fatto questo passo. Poi è arrivata la decisione definitiva. Il suo orientamento non è una novità. E questa amministrazione nasce da un patto di governo. Se ci saranno le condizioni potrà andare avanti, non si può escludere nulla a priori. Ma ribadisco: Fratelli d’Italia ha valori antitetici ai nostri. A Diego faccio i miei migliori auguri. Ma in questo caso siamo rivali”.

Ecco come spiega la sua scelta il diretto interessato: “Le elezioni regionali sono elezioni politiche e non comunali, l’anno scorso al ballottaggio è stata fatta una scelta che rifaremmo altre 1000 volte” dice Distilo. “In questo anno, malgrado tutte le difficoltà per quanto successo, abbiamo svolto un ottimo lavoro e sono sicuro si proseguirà con il programma amministrativo stabilito”.

“Per rispetto delle varie estrazioni politiche all’interno della maggioranza ho deciso di “congelare la mia posizione” per provare a portare in Regione gli interessi di Albenga e di tutta la provincia”.

“Tutti sapevano e sanno bene che la mia appartenenza è sempre stata nel centrodestra e in nessun’altra area politica”.

“Sono sicuro che Albenga sceglierà persone della propria città come rappresentanti in Regione cosi come ai tempi, malgrado fosse candidato con un altro partito, avevo sostenuto l’On. Franco Vazio in quanto ingauno doc”.

“Non posso che ringraziare i dirigenti di Fdi per avermi dato fiducia” conclude Distilo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.