IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Covid e discoteche. Toti: “Da domani, divieto di ballo e norme più stringenti su mascherine”

Il presidente di Regione ha ammesso di "aver espresso alcuni elementi critici sul provvedimento"

Liguria. “Saranno due i principali provvedimenti in vigore da domani: il divieto assoluto di ballo in discoteche, sale da ballo e locali (leggi qui). Nuove e più stringenti normative sulle mascherine, in particolare all’aperto”. 

La conferma dell’ordinanza del Ministero della Salute arriva direttamente dal presidente di Regione Liguria Giovanni Toti che, attraverso una diretta sulla sua pagina Facebook, ha ammesso di “aver espresso alcuni elementi critici sul provvedimento” (che sarà però obbligatorio: no a deroghe regionali in tutta Italia) nell’ambito dell’odierna video-conferenza Governo-Regioni (leggi qui), “salvo poi convergere su un testo definitivo”.

“Non si potrà ballare, ma se è presente all’interno del locale un ristorante o un bar, questo potrà continuare la propria attività”, ha specificato Toti. Ovvio, pertanto, che un bar che organizza serate danzanti dovrà rinunciare a quest’ultime, ma potrà proseguire il suo lavoro “ordinario”. Discorso diverso, per ovvi ed evidenti motivi, per le discoteche. 

“Il motivo della decisione di chiudere le discoteche deriva dalla grande facilità di creazione di assembramenti all’interno dei locali e dalla conseguente difficoltà, in caso di positivi, di effettuare il contact tracing: in sostanza, se una persona in una discoteca balla assembrata con altre e si verifica poi un caso di contagio, andare a cercare tutti i contatti di caso diventa uno sforzo gigantesco e quasi impossibile”, ha spiegato ancora Toti.

Il governatore, poi, ha confermato anche “la stretta sulle mascherine” che, come facile dedurre, andrà a “colpire” in particolare gli ambienti della movida: ufficiale l’obbligo di mascherina, anche all’aperto, dalle 18 alle 6, in tutti quei luoghi dove non è possibile mantenere il distanziamento sociale. 

Discorso conclusivo sulla situazione dell’emergenza, a livello nazionale e regionale e non solo: “I dati della nostra Regione non sono preoccupanti (il bollettino di oggi, leggi qui) ma è pur vero che sono in crescendo, così come quelli nazionali. E le notizie sul Covid che arrivano dal resto del mondo non sono confortanti. Ci tengo a precisare, comunque, che la nostra sanità non è assolutamente in sofferenza. Ribadisco quanto detto negli ultimi giorni: attenzione sì, paura no”, ha concluso Toti. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.