IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, il virologo Ansaldi: “In Liguria un nuovo contagio su due per comportamenti troppo rilassati”

Un contagio su cinque arriva da viaggi all'estero. Il 25% dei nuovi casi ha meno di 25 anni

Più informazioni su

Liguria. In Liguria la curva di diffusione del coronavirus è in risalita, come del resto in tutto il Paese, ma i dati più che suscitare allarme, devono far riflettere sulla necessità di adottare comportamenti responsabili rispettando il distanziamento sociale e utilizzando la mascherina nei luoghi chiusi e anche all’aperto se il distanziamento non può essere garantito

E’ in sintesi l’analisi fatta oggi pomeriggio, slides alla mano, da Filippo Ansaldi, virologo e responsabile della Prevenzione e programmazione di Alisa.

L’indice Rt della Liguria è attualmente pari a 1 (che indica un’incidenza bassa, localizzata e che non mette a rischio il sistema sanitario) ci sono elementi che impongono attenzione.

“La Regione Liguria fino ai primi di agosto ha mostrato una curva epidemica migliore della media del Paese, curva che si è mantenuta bassa fino ai primi dieci giorni di agosto mentre in molte altre regioni la curva ha ricominciato a salire a metà luglio” ha spiegato Ansaldi.

Poi anche in Liguria i numeri sono risaliti fino ad arrivare al picco dei 63 nuovi casi del 13 agosto. “Il numero più elevato di casi lo abbiamo avuto tra il 13 e il 16 agosto” conferma Ansaldi che spiega da dove arrivano i nuovi casi: “Il 20% di questi arriva da persone che arrivano dall’estero per viaggi o rientri – dice – mentre il 7% arriva da contatti di caso. Ben il 45% arriva dalla cosiddetta ‘esposizione puntiforme’, vuole dire il contagio provocato da un evento in cui il virus ha avuto modo di diffondersi velocemente” come il caso del Sushi di Savona o della grigliata sempre nel savonese ma sono casi che sono stati per la maggior parte ‘scoperti’ grazie alla successiva indagine epidemiologica.

Altro dato rilevante è l’abbassamento dell’età media che è passata dagli over 60 all’inizio della fase 2 agli under 40 di oggi: oggi il 25% dei casi ha meno di 25 anni e il 75% ha meno di 60 anni. Da cui il netto decremento dei posti di terapia intensiva o subintensiva occupati negli ospedali liguri che oggi si contano sulle dita di una mano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.