IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bergeggi, a La Kava il Covid diventa un “Hospital party” con infermiere sexy

L'immagine promozionale sta facendo il giro del web, scatenando diverse critiche

Più informazioni su

Bergeggi. Un “Hospital party” per trascorrere il venerdì sera a ritmo di reggaeton, dembow, hip hop, dance hall e trap. Il tutto utilizzando come testimonial una “infermiera” dall’abbigliamento succinto e palesemente sexy, con tanto di “croce rossa” sulle parti intime.

E’ la festa proposta per questa sera a partire dalle 23 da La Kava di Bergeggi. A tutti i clienti che prenoteranno un tavolo o consumeranno 2 drink viene garantita in omaggio una mascherina marchiata “Kava Loca”. L’ingresso costerà 10 euro per le donne e 15 per gli uomini, mentre un tavolo viene proposto a 125 euro con 5 pass. Per chi lo desidera disponibile anche il “servizio narghilè”.

Una proposta che sta facendo il giro dei social, con molte persone indignate dalla scelta di accostare un dramma come la pandemia di Covid-19 a una serata di divertimento di questo tipo. Tra chi commenta ci sono anche infermiere, quantomeno “perplesse” (per usare un eufemismo) nel vedersi rappresentare in questa veste dopo mesi in corsia a salvare vite umane. “Complimenti vivissimi per la scelta stilistica e di gran gusto – scrive una di loro – è veramente mortificante assistere a tutto ciò. Quando capirete che infermiera non vuol dire spogliarellista, pornostar, velina o cubista? Spero che OPI Savona prenderà i dovuti provvedimenti”.

Non è dato sapere di chi sia l’idea, se dei titolari, di qualche dj o di un’agenzia eccessivamente “intraprendente”. Quel che è certo è che fa specie vedere, nella stessa provincia in cui poche settimane fa si è verificato un nuovo cluster di contagi, una proposta di questo tenore, per di più indirizzata ai giovanissimi. Il locale, d’altronde, già in passato è stato al centro di polemiche: lo scorso anno un 17enne all’uscita dal locale lanciò un cassonetto in spiaggia ferendo gravemente al volto un turista di 12 anni (rischiò la vita). A fine agosto 2019 il locale venne chiuso per 5 giorni perché serviva alcolici ai minorenni. E quest’anno i gestori di alcune spiagge si sono rivolti alla Procura per far chiudere La Kava, stufi dei continui danneggiamenti da parte di alcuni clienti del locale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.