IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arboscello in visita alla Compagnia Unica: “Snodo economico della provincia: lavoro, sicurezza e ricambio generazionale le priorità” foto

"Al porto mi legano affetto e ricordi"

Savona. Ieri mattina il candidato alle regionali per il Pd, Roberto Arboscello, ha visitato la Compagnia Unica Portuali di Savona, che è “una delle realtà produttive più importanti della nostra città e snodo principale della provincia”.

“Per me inoltre, è sempre un’emozione particolare. Mio padre, insieme agli zii, infatti è stato uno dei primi portuali soci della Compagnia Unica, e viene ancora ricordato con grande affetto.
Per tanti decenni infatti, il Porto è stato un fondamentale fulcro occupazionale, economico e sociale. Oggi il nostro Porto mantiene ancora un’importanza fondamentale e grandi potenzialità, che spesso non vengono espresse appieno. Il mio impegno è quello di essere al fianco dei lavoratori portuali e i soci della compagnia, ascoltando le loro istanze e dando loro i riscontri che da troppo tempo stanno aspettando”.

“In particolare, ho intenzione di attivarmi in diversi modi. Bisogna garantire la continuità lavorativa: con il traffico sceso del 40 % a causa della crisi causata dalla pandemia di Covid-19, l’urgenza è ora tutelare il lavoro dei 40 lavoratori interinali che operano nel compagnia portuale. Questa è l’urgenza principale della quale le istituzioni devono farsi carico già da settembre. Poi occorre ringiovanire l’organico della Compagnia e tutelare i lavoratori più anziani. Dei circa 160 soci, molti hanno un’età media alta. Come purtroppo dimostra il malore occorso alcuni giorni fa all’operaio cinquattottenne al Terminal Alti Fondali, bisogna agire subito per non mettere a rischio l’incolumità di chi lavora. Si proceda dunque alla costituzione urgente di un tavolo con l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale e i sindacati per dare opportunità ai giovani e tutelare i lavoratori più in là con gli anni”.

“Infine, occorrono incentivi per la transizione all’elettrico. Il Parco mezzi della Compagnia necessita di essere rinnovato e qualificato in chiave ambientale. E’ necessario procedere con incentivi per garantire un ricambio fondamentale in termini di innovazione, ambiente e sicurezza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.