IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Villa Zanelli e lungomare, Bruno (Europa Verde): “Ennesima colata di cemento fronte mare”

"Avevamo proposto di realizzare un museo dedicato alla stagione del Liberty, ma la destra non pensa alla cultura"

Savona. “Così alla fine il progetto della nuova passeggiata di levante probabilmente  si farà così come era stato inizialmente indicato e ai Savonesi arriverà di nuovo una ennesima colata di cemento fronte mare. Ciò che però ci colpisce è la notizia dell’avvio dei lavori, previsti per l’autunno, per la ristrutturazione di Villa Zanelli, capolavoro assoluto del Liberty nazionale”.

Parola di Danilo Bruno che, a nome di Europa Verde Savona, è entrato in merito ai progetti relativi a lungomare e Villa Zanelli, senza risparmiare un duro attacco: “Il Comune insieme al contributo statale e a quello regionale, derivato dal Fondo Regionale di Sviluppo, ormai ridotto a ‘bancomat della destra regionale’, praticamente vedrà: il recupero e restauro della villa; la futura destinazione a hotel di lusso e ristorante; una modesta porzione destinata a spazi espositivi per un futuro museo del turismo o forse di asciugamani e costumi da bagno,di cui ci è ignoto qualunque progetto scientifico/espositivo; il presunto libero accesso alla spiagge di persone,che rischierebbero di porsi in contrasto con gli automezzi parcheggiati da chi sarà ospite dell’albergo e/o del ristorante”.

“Vi sarebbe poi la necessità della pianificazione di bacino del torrente ,che scorre nei pressi ma ad ora non si capisce se gli interventi saranno posti a carico dei privati, che gestiranno l’albergo. Cosa resterà ai cittadini e alle cittadine di tutto ciò? Una villa bellissima restaurata con fondi pubblici e ceduta a privati per la gestione? Uno spazio espositivo per costumi da bagno?”.

“Europa Verde insieme a molte associazioni e strutture culturali aveva proposto di realizzare a villa Zanelli un museo dedicato alla stagione del Liberty a Savona e in Italia ma la destra savonese non pensa alla cultura e ritiene evidentemente che la privatizzazione di spazi pubblici sia l’unica soluzione per affrontare i problemi cittadini”.

“Noi crediamo che vi sia una soluzione possibile, che però deve derivare  in primo luogo dall’assunzione di responsabilità dell’attuale Giunta comunale ovvero le sue immediate dimissioni affinché la città possa ancora avere una prospettiva e un futuro migliore”, ha concluso Bruno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.