IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scommettiamo che…

... le nostre opere saranno escluse dal piano di Conte per accelerare i lavori pubblici? Confronto con la ministra De Micheli. Il raddoppio ferroviario e l'Aurelia bis

Più informazioni su

Provincia. Sono in corso febbrili consultazioni (a diversi livelli territoriali) tra l’Anci, che raggruppa tutti i Comuni italiani, e il Ministero Infrastrutture e Trasporti per definire le opere da inserire nel Decreto Semplificazioni del Presidente del Consiglio Conte, teso a sbloccare una serie di importanti lavori pubblici applicando il “Metodo Genova”.

Non ci voleva un genio per capire che questa è l’unica strada da seguire e infatti non lo era neppure il sottoscritto quando ha proposto su Ivg quel metodo, compresa la nomina di un commissario, per terminare i lavori dell’Aurelia bis.

Si dice che Conte vorrebbe inserire nel suo piano grandi opere strategiche come il completamento dell’alta velocità verso Trieste o numerosi interventi per strade e ferrovie del Sud.

I nostri sindaci hanno portato con forza le istanze del territorio, a partire ovviamente dal raddoppio ferroviario a Ponente. Non sappiamo se ci si può spingere oltre pensando all’autostrada Albenga-Carcare-Predosa.

Capitolo a parte merita l’Aurelia bis, inserita con convinzione nelle richieste savonesi dalla sindaca Ilaria Caprioglio.

La ministra De Micheli ha detto in un recente passato che la nomina di un commissario non porterebbe alcun beneficio, ma ovviamente non è vero. La tesi della De Micheli, tra l’altro, è stata subito sposata da Roberto Arboscello, sindaco di Bergeggi, candidato per la Regione e forse per il Comune di Savona: non ci sembra un buon inizio.

Tra poco, verso le 19, a Roma ci sarà l’ultimo confronto tra De Micheli e Anci per scremare le proposte da sottoporre a Conte.

Per quanto ci riguarda da vicino, il raddoppio ferroviario ci sembra l’opera più importante e l’Aurelia bis quella più facile da far ripartire subito, visto che è già finanziata e nel piano di Conte non ci saranno quattrini per tutti.

Scommettiamo che le istanze savonesi avranno poche possibilità di essere accolte? Naturalmente saremmo ben felici di perdere la scommessa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.