IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, sui “Giovedì in musica” i commercianti si spaccano: ecco chi apre e chi rimane chiuso

Diversi esercenti contrari a come sono stati organizzati, altri invitano a restare positivi e dare un messaggio alla città

Savona. E’ previsto per domani il primo “Giovedì in musica” a Savona. L’edizione 2020 di quelle che nei primi anni venivano chiamate “notti bianche”, poi diventate serate a base di musica e shopping, rischia però di partire tra le polemiche: tra i commercianti, infatti, si sta consumando una spaccatura tra chi ha deciso di aderire e chi, per manifestare la propria contrarietà al modo in cui sono state organizzate, terrà chiusa la serranda.

I “Giovedì in musica” 2020, promossi dal Comune di Savona in collaborazione con Ascom e Fipe-Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Cna con Auser Savona, sono ovviamente “figli” dell’epidemia di Covid-19. Le restrizioni anticontagio hanno portato a un programma diverso dal solito: strade regolarmente aperte, meno appuntamenti musicali e meno “tradizionali” (niente palco, si suonerà ad esempio sui balconi o dalle vetrate del Chiabrera).

Scelte che hanno portato alcuni negozianti ad annunciare un vero e proprio “boicottaggio“. “Questi non sono i nostri giovedì di luglio – scrive un gruppo di commercianti del centro storico – La nostra rappresentante di categoria ha fatto decine di proposte per dare senso ad un evento pur tenendo conto dei limiti e ristrettezze imposti dalle norme anti assembramento: purtroppo nulla è stato preso in considerazione dimostrando ancora una volta la lontananza di questa amministrazione verso il commercio savonese. Pertanto con grande rammarico noi non ci saremo”.

La presa di posizione, però, ha portato a una reazione da parte di chi, invece, alle “notti bianche” vuole partecipare. “A differenza di quanto scritto, diversi commercianti resteranno aperti. Pensiamo che, dopo questo periodo ‘surreale’, si inizi ad intravedere nuovamente tra la gente un po’ di ottimismo e tanta voglia di ‘normalità’. Giovedì in musica sarà un’occasione per rivivere il centro e, grazie all’impegno di tanti commercianti, le vetrine di Savona saranno nuovamente illuminate dando nuova luce alla città. Questo piccolo ‘segno’ è espressione della fiducia nel futuro: vogliamo dare segnali positivi e continuare la programmazione degli eventi in favore della comunità”.

Una linea, quest’ultima, a cui nelle ultime ore stanno aderendo diversi negozi. Tra coloro che sicuramente rimarranno aperti ci sono Temide, Linea più, Vin Sistina, Enozioni, Latteria Gina, Cover store, 101 Caffè, Pizzeria Il Nulla, Atelier des bijoux, Gulli Arte, La curiosa viaggi, Bunci e Dada, Pastrengo, La Latteria, Riv9, Ukkus Bar, Atmosphere, Ristorante Bino, BobbleBobble, Caffè Palazzo Gavotti, Unique, Gastrò, Conoscounposto, Panta Rei, My Fragrances, Anna Solari Bijoux, La Dea, X5ive. Ora il gruppo attende che altri colleghi decidano di partecipare, anche all’ultimo momento: “Noi restiamo aperti per dare un segnale positivo – è l’appello – Fare vedere la città illuminata è bello per i nostri cittadini e turisti”.

Ascom, dal canto suo, si trova “tra due fuochi”. “I giovedì di luglio rappresentano, per il tessuto economico e commerciale della città,  un momento molto importante soprattutto in un anno cosi delicato – spiega la presidente, Laura Filippi – La giunta Ascom Savona auspicava sicuramente una maggiore attenzione  alle esigenze attuali del commercio,  pur rispettando  l’emergenza sanitaria.  Questo desiderio era anche frutto di altre iniziative presenti in città a vocazione turistica che in questo periodo danno vita a momenti di intrattenimento. Le proposte presentate da Ascom non hanno avuto il riscontro desiderato nonostante sembrassero  attuabili anche nel rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza”.

Comprendiamo le ragioni che hanno spinto un gruppo di commercianti ad una scelta forte quale la chiusura in queste serate – prosegue – ma siamo altresì consapevoli che la possibilità di apertura possa essere un momento vitale per alcune delle nostre attività. Per ritrovare il giusto entusiasmo ed un rilancio del tessuto commerciale sarebbe di grande auspicio che l’amministrazione comunale, nel mese di agosto, in concomitanza con i saldi, pensasse di poter programmare una giornata dedicata allo shopping che possa abbracciare i desideri di tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.