Confronti

Savona, incontro web tra Capitaneria di Porto e centri d’immersione su “Pulizia fondali marini”

Al centro l'abbandono dei rifiuti in mare e il loro censimento

guardia costiera capitaneria di porto savona

Savona. Questa mattina il personale militare della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, in modalità videoconferenza, ha svolto un incontro con i responsabili dei centri d’immersione che operano nell’ambito del Compartimento Marittimo di Savona.

Nel corso dell’incontro, oltre ad evidenziare l’importanza del progetto “Pulizia fondali marini”, promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e avviato nel 2019, sono state affrontate tematiche sulla prevenzione dell’abbandono dei rifiuti in mare, sulla necessità di censimento e segnalazione degli stessi con particolare riguardo alle cosiddette “reti fantasma”, la cui attività di bonifica è di estrema importanza per la protezione dell’ecosistema marino.

I centri di immersione sono stati invitati a segnalare tempestivamente anche situazioni di sofferenza dell’habitat marino e a contribuire con le articolazioni territoriali del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera per la vigilanza dei siti archeologici nonché sull’avvistamento di specie marine protette. L’incontro ha suscitato notevole interesse per la materia trattata ed è stato particolarmente apprezzato dai titolari dei centri diving, che hanno confermato la loro piena disponibilità nel cooperare nella tutela dell’ambiente marino, la cui risorsa è naturale fonte di lavoro.

All’incontro sono intervenuti anche Simone Bava, direttore dell’Area Marina Protetta di Bergeggi, il tenente di vascello (CP) Angelo DORIA, responsabile del 5° Nucleo Sommozzatori della Guardia Costiera di Genova, e Gianni Abbriata, presidente della onlus Fare Ambiente Liguria.

leggi anche
Generica
Sicurezza
Partita l’estate: al via l’operazione “Mare Sicuro” della Guardia Costiera
Savona esercitazione antincendio Porto cantieri navali Azimut
Operativi
Savona, incendio ai cantieri Azimut ma solo “per finta”: esercitazione della Capitaneria di Porto

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.