IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regionali 2020, una “bicicletta” tra Forza Italia e Liguria Popolare: Pietro Balestra e Fabrizio Ghione in pole

"Si crea un polo moderato e civico che sia in grado di dare risposte a tutti quegli elettori che non si riconoscono nella politica mediatica e dei proclami inconcludenti"

Liguria. Forza Italia e Liguria Popolare correranno insieme alle prossime elezioni regionali.

Lo conferma il presidente di Liguria Popolare Andrea Costa, che spiega: “Con questa scelta Liguria Popolare non lascia, ma raddoppia. Ancora più radicamento, più forza, più capacità di rispondere alle attese della comunità, mantenendo la nostra identità ma pesando di più. A pochi mesi dal voto, abbiamo convintamente scelto di costituire un polo popolare con Forza Italia, il più importante movimento politico che in Italia si richiama alla grande famiglia del Partito Popolare Europeo”.

“Liguria Popolare resta un soggetto civico, aperto a tutti, ma siamo sempre stati collocati convintamente nell’alveo del centro destra. L’alleanza elettorale con Forza Italia dà più forza a un’offerta politica che, da levante a ponente, vuole rappresentare un’alternativa alla sinistra e alleata della Lega e di Fratelli d’Italia ma realmente e autenticamente moderata. Ci chiamiamo Popolari perché non abbiamo paura di richiamarci al buonsenso del Popolo, alle sue tradizioni, alla fede cattolica che tanti di noi professano e ci piace proporre soluzioni pratiche, non ideologiche. Siamo moderati e con il buon senso e l’equilibrio, in questi anni, abbiamo avvicinato tanti liguri a cui non interessano le polemiche, ma solo risolvere i problemi e costruire soluzioni per un futuro migliore”.

“L’alleanza con Forza Italia (con il nostro nome e il nostro simbolo nella scheda elettorale che esprime con chiarezza questa collaborazione paritetica) è dunque un modo per dare più credibilità a un’alleanza di centro destra nella quale il voto ai moderati sia una scelta vincente, un modo per gli elettori di contare ancora di più. Come? Portando nel prossimo consiglio regionale una rappresentanza più ampia, un voto più che mai utile nei tempi che viviamo”.

“Sono contento di questa scelta che abbiamo compiuto e che dimostra come Liguria Popolare sia cresciuta rafforzandosi come punto di riferimento per quei moderati che, con buon senso ed equilibrio, mirano a risolvere i problemi e costruire soluzioni per un futuro migliore” è il commento di Ubaldo Borchi, coordinatore genovese di Liguria Popolare e candidato alle prossime elezioni regionali.

“In questi anni, abbiamo avvicinato tanti liguri a cui non interessano le polemiche e questa alleanza è un modo per dare più credibilità al centro destra portando nel prossimo consiglio regionale una rappresentanza più ampia. Nasce un laboratorio che serve per recuperare i valori di provenienza cattolica e liberale, in un’area che ha sofferto a causa di una perdita di riferimenti politici e che deve mirare a rappresentare quell’oltre 30% di indecisi che si manifestano in ogni sondaggio – è il commento di Francesco De Simone, ex vicepresidente del consiglio regionale – dobbiamo mirare a trasmettere quella Democrazia e moderazione che spesso viene dimenticata nella dialettica politica contemporanea”.

“Penso che la condivisione del simbolo nella scheda elettorale esprima con chiarezza una collaborazione paritetica e che sancisca l’innegabile contributo che Liguria Popolare può dare attraverso la serietà, l’impegno e la competenza di chi vi si riconosce. La nostra vocazione è quello di soggetto civico e anche questo è un importante contributo che portiamo nell’alleanza elettorale con Forza Italia che dà più forza a un’offerta politica che, con i suoi alleati della Lega e di Fratelli d’Italia, vuole rappresentare un’alternativa alla sinistra, ma realmente e autenticamente moderata”.

Ovviamente la “bicicletta” che ha come obiettivo “creare un polo moderato e civico che sia in grado di dare risposte a tutti quegli elettori che non si riconoscono nella politica mediatica e dei proclami inconcludenti che troppo spesso abbiamo visto trionfare sul palcoscenico nazionale” sarà attiva anche nel savonese.

Il responsabile provinciale di Liguria Popolare, Matteo Marcenaro, spiega: “Per questo noi metteremo disposizione donne e uomini con percorsi di vita e amministrativi solidi che possano dare gambe alle idee di concretezza che sono state alla base della nostra azione politica in questi 5 anni. Tra questi spiccano i nomi di Pietro Balestra e Fabrizio Ghione rispettivamente sindaco di Villanova d’Albenga e assessore di Cairo Montenotte i quali hanno già da tempo dato la propria disponibilità a correre sotto le insegne di Liguria Popolare e che oggi daranno il loro contributo anche alla nuova compagine”.

“Nelle prossime ore certamente incontrerò il responsabile provinciale di Forza Italia Melgrati per dare vita ad una squadra coesa che sappia dare voce alle istanze della provincia di Savona. Sono anche certo che questa esperienza possa dare frutti importanti e riportare una rappresentanza moderata della nostra provincia in senso al prossimo consiglio regionale”.

E il coordinatore regionale di Forza Italia Carlo Bagnasco e il coordinatore di Liguria Popolare Andrea Costa sottolineano: “Forza Italia e Liguria Popolare smentiscono la notizia secondo cui a Claudio Scajola sarebbe assegnato il ruolo di coordinatore della campagna elettorale della lista unitaria che si presenterà alle prossime elezioni regionali in Liguria. Ogni soggetto politico che farà parte della lista avrà pari dignità e le questioni relative alla composizione delle liste e alla conduzione della campagna elettorale saranno affrontate in un tavolo paritetico dai coordinatori delle forze politiche coinvolte, senza nessun super-ruolo di sorta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.