Ultimo saluto

Magliolo, oltre 150 persone per l’ultimo saluto a Luca Catania fotogallery

Presenti anche molti carabinieri, sia in divisa che in borghese

Magliolo. Più di 150 persone, compresi molti carabinieri sia in divisa che in borghese, hanno dato oggi pomeriggio l’ultimo saluto a Luca Catania, l’ex militare scomparso nel 2016 il cui corpo senza vita è stato ritrovato sei mesi fa nei boschi intorno a Magliolo. Oggi alle ore 15.30, nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Abate, si sono celebrati i funerali tra la commozione di familiari, amici e una folta rappresentanza di colleghi.

Per Catania 28 anni di onorato servizio nell’Arma, intrapreso nel 1988 con il giuramento di fedeltà presso la scuola nazionale Allievi Carabinieri di Campobasso; il successivo trasferimento al Comando Provinciale di Torino dove ha svolto il suo incarico per diversi anni fino all’anno 2000 quando è potuto ritornare nella sua Liguria e ha iniziato a prestare servizio presso la locale stazione di Finale dove, con passione ed abnegazione, è diventato un punto fermo a livello professionale ed umano di un gruppo di colleghi che per lui ha rappresentato sempre una seconda famiglia, quella in divisa.

A Magliolo, paese in cui è nato e cresciuto, ha ricoperto il ruolo istituzionale di consigliere ed assessore comunale con diverse deleghe, tra le quali quelle ai servizi sociali, lo sport e la pubblica istruzione.

Catina era scomparso ormai 4 anni fa. Le ricerche erano iniziate il 7 ottobre del 2016 ed erano durate per diversi giorni: erano stati perlustrati palmo a palmo i boschi della zona, ma del carabiniere nessuna traccia. Luca Catania era sparito nel nulla, così come era sparita la pistola d’ordinanza che aveva con sè: nessun messaggio ai familiari. In questi anni erano proseguite le indagini dei militari sulla sua scomparsa, ma senza mai arrivare a conclusioni certe, fino al tragico ritrovamento dei resti umani nei boschi di Magliolo e la conferma sull’identità arrivata grazie all’esame del Dna.

Il ritrovamento era avvenuto e segnalato da alcuni cacciatori della zona, proprio dallo stesso luogo del macabro ritrovamento erano partite anche le ricerche di Catania (il cadavere è stato ritrovato ad alcune centinaia di metri in linea d’aria dall’abitazione dei genitori). Vicino al cadavere erano stati trovati una pistola e altri gli oggetti personali accanto ai resti umani. In questi anni non è mai mancata la speranza di familiari e amici di ritrovarlo sano e salvo, ma purtroppo così non è stato.

Più informazioni
leggi anche
Luca Catania
Pista
Magliolo, i resti umani ritrovati nel bosco potrebbero essere di Luca Catania
carabinieri Alassio
Mistero
Magliolo, resti di un cadavere ritrovati da un gruppo di cacciatori
Luca Catania
Lettera toccante
Il fratello di Luca Catania, il carabiniere scomparso a Magliolo: “Spero accada il miracolo, sei il nostro orgoglio”
Luca Catania
Nessuna novità
Un anno dalla scomparsa di Luca Catania: resta il mistero sul carabiniere di Magliolo
luca catania chiave
Nessuna novità
Magliolo, due mesi di buio e silenzio: la scomparsa di Luca Catania resta un mistero
Luca Catania
Ancora niente
Carabiniere scomparso, inutili anche i sopralluoghi con l’elicottero: si indaga nella vita di Luca Catania

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.