Danza

La danza in sedia a rotelle: uno sport completo, che aiuta il corpo, la mente e le relazioni

Danza in sedia a rotelle: uno sport completo, che comporta benefici per il corpo e per la mente. Le specialità e le occasioni savonesi

danza in sedia a rotelle
Foto d'archivio

Savona. Se in generale l’attività sportiva è molto utile per le persone con disabilità, la danza in sedia a rotelle ha caratteristiche molto specifiche. È una disciplina corporale ed emotiva con numerosi benefici terapeutici per le persone con disabilità fisiche, sensoriali o di apprendimento, ma in realtà è uno sport per tutti.

La danza porta molti benefici, sia fisici, sia psicologici: aiuta gli individui a mantenere attive le funzioni di controllo, come il colesterolo, ed è anche un ottimo antidoto naturale contro osteoporosi e stress. La danza può anche aiutare a canalizzare energia ed emozione, rafforzare il cuore ed è un modo efficace per migliorare la flessibilità, la forza e la resistenza. In altre parole, ballare può aiutarci a mantenerci in forma e aumentare la nostra autostima. Sono benefici che possono essere apprezzati da chiunque, indipendentemente dall’età, dal sesso o dalle condizioni fisiche.

La danza aiuta a essere consapevoli di movimenti e posture specifici, aiuta a capire meglio il proprio corpo e i suoi limiti ed è la chiave per superare barriere fisiche e migliorare la mobilità. A livello psicologico, anche la consapevolezza del proprio corpo e delle sue capacità è molto positiva, sopratutto per aiutare a imparare e accettare sé stessi per ciò che si è e ad esprimere le proprie emozioni.

Gli sforzi fisici coinvolti nella danza sono utili per tutti e possono aiutare a rifonzare il cuore e aumentare la capacità polomonrare, motivo per cui alcune associazioni raccomandano di ballare come esercizio aerobico per ridurre il rischio di malattie cardiache. Un altro vantaggio della danza su sedia a rotelle è che a livello fisico può fungere da sostituto dell’ettività in palestra per perdere peso: un’ora di danza brucia tra le 200 e le 400 calorie, similmente a ciclismo e a corsa, e può aiutare a ridurre i colesterolo.

La routine quotidiana e la mancanza di esercizio fisico possono portare all’adozione di cattive posture sulla sedia a rotelle, che possono causare disturbi più gravi come dolore alla schiena, alle braccia e al collo. Uno dei grandi benefici della danza su sedia a rotelle è che possiamo correggere facilmente queste cattive posture mentre alleviamo lo stress nelle articolazioni e nella parte bassa della schiena e rafforziamo le nostre ossa e muscoli.
Inotre l’apprendimento delle movenze coreografiche, individualmente o in bgruppo, aiuta a migliorare il coordinamento e apprendendo le routine si migliora anche la memoria e si aumenta la capacità di svolgere diversi compiti contemporaneamente.

Come altre attività creative, la danza ci consente di esprimerci a livello fisico, il che stimola la produzione di endorfine e controlla i livelli di stress: aiuta anche a regolare i nostri livelli di serotonina e dopamina che sono neurotrasmettitori chiave che regolano il nostro umore. Di conseguenza, la danza può aiutarci a mantenere un atteggiamento più positivo, allegro ed entusiasta nella nostra vita quotidiana.

Un altro vantaggio della danza in generale, compresa quella su sedia a rotelle, è la sua capacità di promuovere l’interazione. La pratica degli sport di gruppo promuove l’inclusione sociale e aiuta a stabilire e rafforzare le relazioni sociali. Non è tutto: grazie ai movimenti e ai contatti coinvolti, la danza può aiutarci a comunicare meglio con gli altri, trasformando il nostro corpo in un veicolo in grado di trasmettere la storia e le esperienza della nostra vita, che è precisamente l’obiettivo della danza inclusiva, in cui le persone con e senza disabilità possono condividere il palcoscenico. Questa attività, sviluppata appositamente da alcune compagnie, trasforma la pista da ballo in un tipo di spazio abitativo condiviso.
Sebbene la danza su sedia a rotelle sia di solito eseguita in gruppo o in coppia, può anche essere utilizzata come terapia individuale, poiché le tecniche e gli stili si adattano a ciascuna persona individualmente.

Oltre agli ovvi benefici della danza su sedia a rotelle come attività ricreativa, per molte persone la danza è uno sport competitivo. Dal 1998, la danza su sedia a rotelle è celebre in tutto il mondo ed è riconosciuta dal Comitato paralimpico internazionale e dalla World federation of sports dance. Ecco le categorie principali: duo, combinato o mistor, formazione (gruppi), danza standard, danze latinoamericana e show dance.

Naturalmente come per tutte le attività fisiche, bisogna affidarsi a professionisti qualificati e specializzati. Nel Savonese, un riferimento importante è Edo Pampuro, insegnante di danza, coreografo e giudice nazionale e internazionale, nonché membro del World inclusive dance association e di World integrative dance association. Lui e i suoi ragazzi hanno preso parte a numerose manifestazioni nazionali e internazionali.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.