IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il contrammiraglio savonese Luca Anconelli a IVG.it: “Comandare Brigata San Marco è coronamento di un sogno” foto

"La mia città si lega al mio lavoro: non potrei stare in un posto senza il mare"

Savona. Lo scorso 20 giugno il contrammiraglio savonese Luca Anconelli ha assunto il comando della Brigata Marina San Marco, con sede a Brindisi: un incarico di prestigio ma anche di grandi responsabilità ai vertici della Marina Militare per uno dei tanti illustri “figli della Torretta” che in Italia e nel mondo portano in alto il nome del capoluogo. È la prima volta nella storia che il reparto d’élite viene affidato alla guida di un ufficiale con specialità anfibia, brevetto acquisito da Anconelli a Quantico presso il Corpo dei Marines degli Stati Uniti (migliore tra gli ufficiali internazionali del corso).

Luca Anconelli contrammiraglio savonese

Nato nel ’70, il contrammiraglio ha vissuto nel quartiere Villapiana e si è diplomato all’Istituto Nautico “Leon Pancaldo”. Successivamente ha frequentanto l’Accademia Navale di Livorno, dove ha conseguito il grado di guardiamarina e le lauree specialistiche in Scienze Marittime Navali e in Scienze Politiche ad indirizzo internazionale. In seguito ha frequentato il master di Giornalismo Internazionale, risultando uno degli ufficiali italiani più preparati nell’ambito della comunicazione.

Inoltre vanta una notevole carriera nella pubblica informazione del Ministero della Difesa e come capo sia dell’Ufficio Immagine e Promozione sia dell’Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni presso lo Stato Maggiore della Marina Militare. È socio del Gruppo “Vanni Folco” dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia.

“Sono al comando di 2500 uomini e donne che appartengono alla forza sbarco della Marina Militare e dunque corono un sogno – dichiara in un’intervista esclusiva a IVG.it – Sono nato professionalmente in questo reparto nel lontano 1995 e successivamente ho svolto diverse attività, tra cui il comando del Primo Reggimento San Marco, che è un elemento della Brigata, fino all’anno scorso. Essere a capo di quest’ultima è una grande soddisfazione e costituisce il raggiungimento del vertice di una carriera piena di emozioni in incarichi di ottimi livelli. Ne sono molto contento”.

La Brigata Marina San Marco fa parte del sistema anfibio delle forze armate e sviluppa la proiezione dal mare di una capacità importante non soltanto in contesti operativi ostili o non permissivi ma anche nella quarta missione della Difesa, ossia salvaguardare la collettività in caso di calamità. “Portare a terra ovunque, in velocissimo tempo e molto efficacemente una forza che possa aiutare chi ha bisogno è sicuramente importante, soprattutto con dispositivi aeronavali della Marina Militare (navi, aerei ed elicotteri) che supportano il San Marco non solo per il transito dal mare alla terra ma soprattutto con la logistica e il continuo supporto, ad esempio con i rifornimenti di viveri, acqua e materiali utili per operare a terra”, spiega il contrammiraglio.

“I fucilieri della Brigata hanno grandi capacità derivanti da un intenso addestramento e caratteristiche psicofisiche estremamente particolari, che consentono loro di adattarsi facilmente a tutti gli ambienti critici con disinvoltura nelle situazioni più inconsuete e imprevedibili, spirito tipico di chi va per mare”, prosegue Anconelli.

Luca Anconelli contrammiraglio savonese

La Marina Militare promuove se stessa anche attraverso un marchio commerciale e Anconelli spiega quanto è importante comunicare e “arrivare” agli Italiani: “Tutte le forze armate hanno un’attività di fatto commerciale che permette di veicolare se stesse al cittadino attraverso capi di abbigliamento o accessori. Tale attività aumenta significativamente la ‘cultura della difesa’: sino a qualche anno fa le forze armate erano un tabù, se ne parlava poco, molti non sapevano ciò che fanno e per lo più le associavano ai costi per i contribuenti”.

“Il marketing e la comunicazione istituzionale, sviluppatasi moltissimo nel tempo, fa conoscere a tutti chi siamo e aumenta il livello di fiducia del cittadino nei nostri confronti – approfondisce l’ufficiale – Oggi le statistiche dicono che le forze armate hanno acquisito importanza e fiducia dalla collettività soprattutto per le attività svolte a suo supporto, tra cui l’emergenza Covid-19, che ha impegnato numerosissimi militari in tutta Italia nel combattere questa pandemia”.

Infine, a proposito del suo rapporto con Savona, Anconelli vi manca da quando aveva 19 anni: “Ho vissuto la realtà di Villapiana fino all’età delle medie e poi ho studiato al Nautico, un tempo una vera e propria istituzione mentre oggi ha perso la sua forza, anche per il fatto di essersi spostato dalla sede storica, che era un museo della storia marinara ligure. Sono stati anni di vita indimenticabili, i miei genitori e mio fratello vivono ancora a Savona e ogni volta che posso vengo a trovarli, soprattutto durante le vacanze ad agosto. La mia città si lega molto al mio lavoro: non potrei mai stare in un posto dove non c’è il mare”.

Ma i liguri hanno un “quid” in più nel vivere il mare e la navigazione? Secondo il contrammiraglio “è una peculiarità di chiunque viva in una città di mare. In particolare la Liguria è un simbolo della Marina italiana: Genova è stata una repubblica marinara molto importante, in parte lo era anche Savona, il traffico dei porti liguri è sempre notevole e il territorio della regione è storicamente una costa di marinai e di persone che ogni giorno lavorano per il mare e sul mare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.