IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Carenza di medici nell’entroterra, appello di Anci e sindaci: “Regione e Asl pronti a risolvere criticità”

Lunedì prossimo l'incontro a Urbe, Vinai: "Assicurare servizi territoriali e assistenza sanitaria"

Urbe. Anci ha ottenuto la presenza dei vertici della sanità ligure all’incontro di lunedì 13 luglio a Urbe, per esporre le criticità e rafforzare l’offerta sanitaria di tipo assistenziale nei Comuni dell’area interna Beigua-SOL.

L’area progetto Beigua-SOL è una delle 4 liguri selezionate per la Strategia Nazionale Aree Interne, che ha l’obiettivo di assicurare i servizi essenziali ai cittadini e porre un freno allo spopolamento dei territori considerati “marginali”. Comprende 8 Comuni, tutti montani: Campo Ligure, Masone, Mele, Rossiglione e Tiglieto, ricadenti nel territorio della Città metropolitana di Genova, e Sassello, Stella e Urbe in Provincia di Savona. Un’area di circa 18mila abitanti, distribuita su 300 kmq, su cui insistono due aziende sanitarie locali: Asl2 Savonese, con il distretto socio-sanitario 7 del Savonese, e Asl3 Genovese, con il distretto socio-sanitario 8 Ponente.

L’area interna è caratterizzata, in generale, da un significativo calo demografico (6,8 % negli ultimi 30 anni) e da un indice di vecchiaia il più elevato d’Italia (257 anziani ogni 100 bambini, contro 165 di media nazionale e 249 di media regionale). Il 29% della popolazione supera i 64 anni.

“Il problema è che Urbe e Tiglieto rimarranno senza medico da ottobre a seguito del pensionamento dell’attuale professionista, per cui i cittadini dovranno spostarsi nei paesi vicini per vedersi assicurati l’assistenza medica essenziale – afferma il direttore generale di Anci Liguria Pierluigi Vinai, coordinatore tecnico delle aree interne liguri – Ci è stato segnalato, inoltre, anche il caso di Sassello, che condivide 2 medici con Mioglia e Pontinvrea. Capirete che in un territorio con buona parte della popolazione non più giovane e con tutte le difficoltà negli spostamenti dovute a cantieri e chiusure stradali, non è possibile continuare ad avere un entroterra sempre più penalizzato e senza medici di base in loco a disposizione dei cittadini”.

“Per queste ragioni – continua Vinai – su sollecitazione dei Sindaci, abbiamo chiesto e ottenuto la presenza lunedì dei vertici della sanità ligure, la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale, l’Azienza ligure sanitaria A.Li.Sa. e le Asl, perché possano toccare con mano il problema che le popolazioni vivono, e cercare soluzioni per non lasciare i cittadini sprovvisti dei servizi essenziali”.

Alla riunione parteciperanno, oltre ai vertici sanitari liguri, anche opinion leader, portati dai Sindaci, che daranno voce ai bisogni dei territori.

L’incontro sarà l’occasione anche per fare il punto sui futuri progetti messi in campo per lo sviluppo dei Comuni dell’area interna Beigua-SOL: numerosi sono gli interventi previsti in ambito sanitario, che partiranno in autunno, tra cui l’istituzione della figura dell’infermiere di famiglia e di comunità, l’implementazione dei servizi di prossimità (telediagnostica itinerante), la telemedicina, RSA aperta e trasporto persone fragili.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.