IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairese, il presidente Bertone: “Non pongo limiti, questa squadra potrà dire la sua”

"Ho voluto cercare un allenatore motivato e con voglia di fare bene"

Cairo Montenotte. Mario Bertone, presidente della Cairese, fa il punto della situazione. Tanti gli argomenti toccati: il mercato, la trattativa per tenere Saviozzi, il ritorno di mister Mario Benzi e le prospettive per il futuro. Infine, il ricordo del compianto Massimo Camera, scomparso la scorsa settimana.

Mario Bertone

Nell’intervista realizzata dall’addetto stampa Daniele Siri, Bertone dichiara: “Sono soddisfatto, il direttore sportivo Giribone ha fatto un ottimo lavoro. Sono contento che siano stati confermati parecchi giocatori della passata stagione, perché abbiamo fatto un bel campionato, conoscono l’ambiente e sono giocatori che hanno fatto gruppo. Lo spogliatoio è sano e per fare degli ottimi campionati è importante avere lo spogliatoio a posto: la Cairese ce l’ha“.

“Poi – prosegue il presidente – c’è il ritorno di Alessi, tutti lo conosciamo, un uomo spogliatoio, un bomber che spero faccia qualche gol. Poi abbiamo questi giovani nuovi, tutti me ne parlano bene, spero che facciano come quelli dell’anno scorso. Secondo me faremo un ottimo campionato“.

La trattativa più complessa è stata quella con Saviozzi. “Con Francesco c’è un rapporto particolare – ammette Bertone -. È un giocatore che dal lato calcistico stimo molto e l’ho voluto tenere a tutti i costi perché è e sarà la bandiera della Cairese un domani. È un giocatore che l’anno scorso ha fatto una ventina di gol, è un giocatore forte. Ci ha fatto sudare un po’ le sette camicie, in un mese avrà cambiato cinque o sei squadre, rimandava sempre l’appuntamento, poi gli ho dato l’ultimatum è arrivato, e ha capito che la Cairese è la sua squadra del futuro“.

Come allenatore è tornato Mario Benzi. “Andando via Maisano, ho voluto cercare un allenatore motivato e con voglia di fare bene – spiega -. Infatti sono dovuto andare con Giribone e Andrea ad Acqui a parlargli personalmente, a vedere se era stimolato di venire a Cairo, di tornare, se aveva voglia di rimettersi in gioco e ho visto un uomo, un allenatore, carico: questo secondo me è molto importante. È un allenatore che coi giovani ci sa fare, lo conosco bene perché abbiamo giocato assieme molti anni fa, è un ragazzo sveglio, e questo secondo me ci farà fare un bel campionato“.

Quali sono gli obiettivi? “Tutti gli anni all’inizio ci dicono che la Cairese è da retrocessione, poi facciamo sempre degli ottimi campionati – sottolinea Bertone -. L’anno scorso, secondo me, se non ci fermava il Covid agguantavamo l’Albenga e non so negli scontri diretti con Sestri Levante e Imperia chi vinceva o chi perdeva: noi stavamo venendo fuori alla grande. Quest’anno non me ne pongo limiti: secondo me se la Cairese gioca come sa giocare e i giocatori danno anche solo l’80% di quello che sanno, la Cairese potrà dire la sua“.

Mario Bertone conclude con un ricordo: “È mancato un caro amico, Massimo Camera, è stato anche giocatore della Cairese, è stato mio compagno di squadra nei tornei. Suo papà Romano era un grande tifoso della Cairese. Una famiglia che ci è sempre stata vicina: ci hanno regalato un defibrillatore, quando avevamo bisogno andavamo e lui era sempre disponibile, ci ha sempre detto di sì. È una grossa perdita, sia dal lato imprenditoriale, sia dal lato calcistico e dal lato umano“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.