IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Autostrade, Pezzoli (Fillea Cgil): “Applicare i protocolli prefettizi e la legge regionale”

"Molti operai dei cantieri lavorano precari e in condizioni massacranti"

Genova. “Aldilà degli incommentabili disagi che la cittadinanza ligure e i turisti che affollano le nostre riviere stanno subendo per le infinite code sulla rete autostradale, non sfugge a nessuno l’importanza della task force messa in campo per mettere in sicurezza le tratte autostradali liguri, contraddistinte dalla percentuale più alta a livello europeo di viadotti e gallerie. Task force tanto necessaria quanto tardiva per rimediare decenni di trascuratezza da parte della concessionaria Autostrade per l’Italia e contestuale totale trascuratezza di controlli da parte di tutti i Governi che si sono succeduti negli ultimi anni”.

A dirlo è Federico Pezzoli, segretario generale di Fillea Cgil Genova, il quale aggiunge: “In questo contesto chiediamo che si vigili sulle regole di ingaggio delle tante imprese giunte in Liguria da ogni parte d’Italia. Alcune conosciute, altre che appaiono letteralmente improvvisate, con lavoratori edili, spesso precari, sottoposti a turni infiniti e condizioni di lavoro massacranti”.

La Fillea Cgil ricorda gli strumenti disponibili a tutela dei lavoratori: da un lato l’intesa prefettizia regionale per la tutela del lavoro nelle autostrade che prevede la tracciabilità delle imprese e​ l’incontro preventivo con le organizzazioni sindacali per condividere modalità di lavoro, turnistica, sicurezza e logistica; dall’altro la legge regionale, fortemente voluta dai lavoratori, che prevede l’istituzione dei rappresentanti per la sicurezza in ambito autostradale.

“Entrambi gli strumenti oggi non sono pienamente attuati – puntualizza infine Pezzoli – Nel tempo degli slogan e delle inaugurazioni quotidiane occorre dunque che i prefetti e la Regione Liguria si adoperino per il pieno rispetto delle intese sottoscritte, scongiurando che la fretta possa determinare danni irreparabili alla salute e sicurezza dei lavoratori e sull’intero sistema”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.