Assegno Unico per i figli e sostegno alle famiglie, Vazio (Pd): "Sguardo al futuro" - IVG.it
Natalità

Assegno Unico per i figli e sostegno alle famiglie, Vazio (Pd): “Sguardo al futuro”

In votazione la proposta di legge: "Semplifica e irrobustisce con maggiori risorse l’attuale normativa"

padre figlio mano generica

Liguria. “Far ripartire la natalità in questa difficile fase per il nostro Paese è una risposta importante e questa legge rappresenta uno sguardo al futuro: in prospettiva siamo di fronte al rischio di vedere chiusi asili, scuole e servizi pubblici, conseguenze su Pil e consumi, oltre alla tenuta delle nostre pensioni”.

Parole dell’On. Franco Vazio (Pd), Vice Presidente della Commissione Giustizia Camera dei Deputati, nel giorno dell’attesa votazione sulla nuova legge per l’istituzione dell’Assegno Unico a sostegno della natalità e delle famiglie con figlim che vede come relatore e promotore il deputato Stefano Lepri, presidenza del gruppo Pd alla Camera.

“E’ indispensabile da parte dello Stato dare garanzie ai genitori, incentivare la natalità e determinare condizioni di riequilibrio anche rispetto alla spesa sociale: siamo una nazione con tante persone anziane e il trend andrà accentuando nei prossimi anni” spiega il parlamentare Dem.

“L’assegno unico per i figli a sostegno delle famiglie in votazione alla Camera, è una normativa essenziale da un punto di vista economico e sociale e ci allinea ad altri paesi europei: un provvedimento forte e diretto per coloro che vogliono fare figli e crescerli con serenità. Ne beneficeranno anche lavoratori autonomi, liberi professionisti, soggetti incapienti e disoccupati. Semplifica e irrobustisce con maggiori risorse l’attuale normativa, con la garanzia che in ogni caso nessuno avrà meno di quanto oggi riceve. L’assegno unico per i figli sarà quindi fondamentale per favorire la natalità e la genitorialità”.

“Altra azione concreta nel segno della rinascita” conclude Vazio.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.