Vie di mezzo

Spotorno, le minoranze: “Nuova ondata di multe a chi non indossa la mascherine: ok salvaguardare la salute, no ai castighi”

"Esiste anche un metodo non repressivo o punitivo"

Generica

Spotorno. “Salvaguardare la salute pubblica è un dovere, che come gruppi di minoranza abbiamo sempre sottolineato, senza però castigare comportamenti assolutamente correggibili”. Lo affermano i consiglieri di minoranza di Spotorno che Vorrei, Spotorno nel Cuore e Adesso Spotorno, che in questi giorni di iniziò stagione turistica stanno “assistendo ad una recrudescenza di verbali a turisti e residenti di Spotorno che non indossano la mascherina anti Covid-19. Abbiamo, infatti, segnalazioni di verbali di 400 euro emessi anche a più persone della stessa famiglia”.

“Crediamo sia compito dell’autorità locale far rispettare le regole, ma che esiste anche un metodo non repressivo o punitivo. Molte persone infatti non conoscono le ordinanze locali, che sono diverse da quelle emesse in altre località. Ad esempio, i nostri agenti di polizia locale dovrebbero essere dotati di mascherine da regalare a chi non le indossa, anziché emettere immediatamente un verbale invitando, dopo aver accertato le generalità, a rispettare le regole locali. La multa non ferma il potenziale contagio mentre un rapporto collaborativo eviterebbe di proseguire senza mascherina”.

“D’altra parte il sindaco dovrebbe rendersi conto che un atteggiamento di tale natura diffonde un clima pesante, disincentivando la scelta vacanziera nella nostra località. Dopo mesi di chiusura le attività hanno appena ripreso il lavoro è in molti casi i problemi economici sono evidenti. Si avrebbe, dunque, bisogno che i clienti non fossero spinti alla fuga dal paese, ma che potessero contare su un rapporto collaborativo con la pubblica amministrazione”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.