IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Servizi Ambientali, Franco (Pd Loano): “La società naviga in un mare procelloso”

"Aver cambiato cinque presidenti in cinque anni conferma che la società non ha avuto una governance coesa e certa degli obbiettivi da raggiungere"

Loano. “Un mare procelloso”. E’ quello in cui naviga la Servizi Ambientali secondo Roberto Franco, capogruppo di minoranza della lista Pd/Da sempre per Loano.

L’ultimo punto all’ordine del giorno del consiglio comunale tenutosi lo scorso 29 maggio era proprio la “discussione” sulla società a partecipazione pubblica di cui il Comune di Loano detiene le quote di maggioranza.

Secondo Franco quella riguardante la Servizi Ambientali è “una scomoda vicenda di comprensorio. La società, infatti, gode di un primato non certo invidiabile: ha avuto cinque presidenti in cinque anni. Nell’ultimo lustro cinque persone hanno abbandonato il loro importante ruolo mettendo la società in un mare ‘procelloso’ assolutamente dannoso in questo delicato momento. Andrea Santonastaso, Franco Malpangotto, Nino Roveraro, Alberto Bonifacino e ora Milena Scosseria, unica donna, hanno ricevuto il benservito o hanno salutato tutti rinunciando al loro ruolo difficile, importante e utilissimo per il futuro della società”.

“L’avvicendamento di cinque presidenti è un primato che però non è positivo in quanto significa che la società non ha avuto una governance coesa e certa degli obbiettivi da raggiungere. L’ultimo presidente, Milena Scosseria, in un comunicato stampa fa alcune riflessioni sul ruolo ricoperto nella Servizi Ambientali: queste si possono riassumere in grandi difficoltà di coordinamento tra Consiglio di amministrazione, amministratore delegato e direttore generale. Di fatto Scosseria dice ‘che almeno nelle decisioni che competono il Cda il Presidente non può essere un semplice notaio di decisioni altrui prese altrove senza un preventivo confronto’. Il ripetersi di situazioni conflittuali nei Cda sono la dimostrazione più evidente e verbalizzata di momenti di disagio e di incertezze”.

“Da ultimo appare chiaro il perdurare di pessime relazioni sindacali, che non permettono di affrontare problematiche urgenti ed inderogabili. A tale proposito Scosseria afferma: ‘La mia ferma volontà è veder garantiti i diritti dei lavoratori. Le problematiche legate al periodo estivo (mi riferisco a Borgo Verezzi, Pietra Ligure e la vallata del Maremola dove la capacità delle condotte per alimentare il depuratore) sono sottostimate’. Quanto detto altro non è che la presa d atto di una situazione grave e pericolosa che francamente avrei preferito non fosse avvenuta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.