Seconda Categoria, il Pietra Ligure schiererà una squadra "B" - IVG.it
Calcio

Seconda Categoria, il Pietra Ligure schiererà una squadra “B”

A guidare la formazione sarà il mister Matteo Cocco

pietra B

Pietra Ligure. Da alcuni anni, in Liguria, è stata introdotta la possibilità di schierare squadre “B”. Inizialmente, venivano considerate fuori classifica e, chi le affrontava, non otteneva punti in caso di successo o pareggio contro di esse. In seguito, i loro risultati hanno iniziato ad essere conteggiati per la graduatoria, com’è giusto che sia, per poter dare stimoli sia a chi ne fa parte che alle avversarie.

Le formazioni “B”, però, non hanno diritto a partecipare ai playoff, dato che non possono essere promosse di categoria. Di conseguenza, vengono iscritte alla categoria più bassa in provincia.

Nella scorsa stagione, in Liguria, le hanno schierate Carlin’s Boys, Borzoli, Multedo. Due anni fa Legino, Taggia, Borzoli, Campese.

Nella stagione 2020/2021, ai nastri di partenza della Seconda Categoria, con ogni probabilità, ci sarà il Pietra Ligure “B”, composto quasi interamente da giovani nati tra il 2001 e il 2004. Ad allenarlo sarà Matteo Cocco, lo scorso anno alla guida della Juniores di Eccellenza biancoceleste.

Alcuni componenti della squadra pietrese della scorsa stagione non avranno più l’età per giocare il campionato Juniores. La società del presidente Claudio Faggiano, anziché darli in prestito ad altre squadre, oppure vederli smettere di giocare, ha intenzione di dare loro la possibilità di cimentarsi a livello di prime squadre, continuando a calcare il campo del De Vincenzi.

Il Pietra Ligure giudica più utile, per la formazione dei ragazzi, farli giocare in Seconda Categoria piuttosto che nel campionato Juniores, per crescere più rapidamente in termini di esperienza. A confermarlo, ai microfoni della trasmissione di IvgSport “Parliamo di Sport” è l’allenatore della prima squadra Mario Pisano che commenta: “È una scelta sacrosanta, noi ci ritroviamo ogni anno a dover mandare in prestito venti o venticinque ragazzi, che magari non sono adeguati alla categoria ma che hanno egual diritto di giocare a calcio. Secondo me questo migliora sensibilmente l’esperienza di un ragazzo. Noi abbiamo qualche ragazzo bravo, 2001 o 2002, ma non è la stessa cosa se lo faccio giocare con la Juniores coi pari età o se lo mando a ‘prendere dei calci’ in Seconda Categoria. Noi puntiamo su questo per far crescere i ragazzi”.

leggi anche
  • Il personaggio
    A tu per tu con mister Mario Pisano
    Cairese Vs Pietra Ligure
  • Seconda categoria
    Calcio, il Pietra Ligure “B” inizia gli allenamenti
    stadio Pietra

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.